parterre

Mediaset-Vivendi, entro il mese i francesi in udienza all’Agcom

1' di lettura

Tutti i “mediatori” sono per la pace. Dopo Tarak Ben Ammar, che era stato il sensale dell’accordo di aprile tra Mediaset e Vivendi, ieri anche l’ad di Mediobanca, Alberto Nagel, ha auspicato una soluzione “amichevole”. «Perchè - ha osservato - la statistica dice che operazioni non cordate sono molto più costose e hanno un rischio di esecuzione molto più elevato». E tuttavia i due contendenti ancora non si parlano. Il 21 marzo è fissata la prima udienza in Tribunale per il mancato rispetto del contratto su Mediaset Premium. E più o meno nello stesso periodo dovrebbe arrivare a conclusione anche l’istruttoria aperta dall’Agcom. All’Authority presieduta da Angelo Marcello Cardani manca solo l’audizione di Vivendi - che senz’altro ci sarà entro fine mese - per completare il quadro informativo. La scadenza è ad aprile, ma forse anche prima l’Agcom stabilirà se la contemporanea presenza in Telecom e Mediaset del gruppo presieduto da Vincent Bolloré viola le disposizioni del Testo unico delle comunicazioni. (A.Ol.)

Loading...
Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti