Elettronica

MediaWorld apre a Genova un negozio di quartiere

Il gruppo sperimenta uno smart store di prossimità con dimensioni contenute all’interno di un ex mercato recuperato

di Raoul de Forcade

3' di lettura

Dal megastore al negozio di prossimità, secondo la tendenza sempre più seguita, dopo la pandemia e i venti di guerra in Europa, di spostarsi dal global al local. MediaWorld, brand (del gruppo MediaMarktSaturn Retail) specializzato nella distribuzione di prodotti di elettronica, ha aperto a Genova, in corso Sardegna, il primo MediaWord Smart della Liguria e il quarto in Italia, dopo Varese, Torino e Roma.

Nella regione sono già attivi due grandi negozi: uno a Genova (nel centro commerciale Fiumara) e una alla Spezia. Ma quello che ha appena aperto i battenti (l’inaugurazione per il pubblico è il 31 marzo) è il primo che si dedica al retail di prossimità, in un quartiere nel cuore della città.

Loading...

Spazi recuperati

Tra l’altro, MediaWorld Smart è parte di un progetto di riqualificazione dell’ex mercato ortofrutticolo di corso Sardegna, ed è il secondo negozio ad aprire (dopo un market Coop) all’interno di uno spazio recuperato alla città, in cui sono in fase di avvio numerose attività commerciali e di ristorazione.

Gli spazi dell’ex mercato di corso Sardegna, chiosa Paola Bordilli, assessore al commercio del Comune di Genova, «a poco a poco diventano vivi anche dal punto di vista commerciale. Il mese prossimo apriranno molte realtà sia legate al commercio che al food, e siamo contenti che questo spazio, che era un vuoto per la città, torni a essere vissuto dai genovesi».

Il nuovo punto vendita, composto da un team di 10 persone, sette della quali assunte ad hoc, si sviluppa su una superficie di vendita di circa 232 metri quadrati di area vendita (a cui si aggiunge un piccolo magazzino).

È stato ideato e costruito, afferma Nicola Iurilli, Smart stores coordinator, «con impianti a led, climatizzazione con recupero del calore, pavimenti in materiale riciclato e consumi di energia 100% green, che provengono da fonti rinnovabili».

Negozio sostenibile e “connesso”

Il negozio, spiega la direttrice, Mara Frontuto, è integrato al canale online mediaworld.it, che consente ai clienti di avere a disposizione, oltre all’assortimento selezionato dei prodotti in esposizione, il cosiddetto “scaffale infinito”.

Si tratta di uno schermo attivo che, con il supporto di un operatore del punto vendita, permette di ordinare altri prodotti, non presenti sugli scaffali, in grado di arrivare allo store anche il giorno stesso (grazie al magazzino MediaWorld che l’azienda ha, vicino al centro della Fiumara, nell’area di Campi).

Ovviamente è possibile ritirare in negozio anche prodotti ordinati da casa online. «Offriamo inoltre ai clienti - conclude la Frontuto - un servizio di consulenza che può anche essere prestato a domicilio».

Il format Smart, commenta Luca Bradaschia, ad di MediaWorld «ha come ambizione di andare proprio dove risiede il cliente, sviluppando il concetto dello store di prossimità e rafforzando la presenza del brand nei centri città».

Consumi post pandemia

MediaWorld, nell’ambito delle ricerche fatte per allestire gli store smart, ha messo a punto una fotografia dei trend che hanno caratterizzato gli acquisti nel 2021 e quindi il comportamento dei consumatori.

«Il vaccino anti-Covid - spiegano all’azienda - ha ridato speranza e molte delle abitudini nate durante il lockdown si sono affermate, trasformando definitivamente gli stili di vita degli italiani, come mettono in luce i cinque trend sull’elettronica di consumo 2021, che sono gli stessi riscontrati in tutte le regioni di Italia, compresa la Liguria».

Il primo riguarda l’ufficio in casa, conseguenza dello smart working. Si è riscontrata, infatti, chiarisce la ricerca, «una crescita significativa del canale online, con valori a doppia cifra, per la vendita di prodotti come monitor, tablet, desktop e stampanti laser, con ottime performance ottenute dagli stessi prodotti anche direttamente negli store fisici».

Il secondo trend attiene alla Tv. Il podio dei beni di consumo più acquistati del 2021 è andato a Tv, ricevitori Tv ed elettrodomestici per la casa, grazie anche alle agevolazioni governative. Inoltre, le Tv acquistate nel 2021 sono state, in maggioranza, «smart, connesse a Internet e in grado di collegare senza sforzi le principali piattaforme di streaming».

Terzo trend, l’attenzione all’igienizzazione. Riguarda gli elettrodomestici per la casa: nel 2021 sono emerse preferenze per prodotti rivolti alla pulizia e per le funzionalità legate all’igienizzazione.

Quarto trend, la tecnologia in cucina. Tra i piccoli elettrodomestici più richiesti si trovano le macchine del caffè e le friggitrici, due tra i prodotti da sempre presenti sul mercato, che però hanno registrato una sensibile crescita nel 2021.

Quinto e ultimo trend, la scopa ricaricabile. Le aspirapolveri «addirittura superano friggitrici e macchine del caffè come beni di consumo acquistati dagli italiani nel corso del 2021». E tra i vari modelli sul mercato, quello che ha avuto un boom è la scopa ricaricabile. Altri prodotti in auge, sottolinea la ricerca, sono i robot aspirapolvere.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti