grande distribuzione

Megamark cresce del 21,8% e ora punta sui prodotti per animali

di Vincenzo Rutigliano


default onloading pic

2' di lettura

Numeri in controtendenza, e in forte crescita, nel primo semestre dell’anno per le vendite del gruppo Megamark di Trani, tra le realtà leader del Sud nella distribuzione moderna con oltre 500 punti vendita a insegna Dok, A&O, Famila, Iperfamila, Sole365 e Superò. Nel primo semestre 2017 nei supermercati del gruppo in Puglia, Calabria e Molise, le vendite, a parità di rete commerciale, sono aumentate del 6,30%, rispetto a un calo medio del settore che nel Sud è stato, secondo i dati Like4like di Nielsen, del 2,06%.

Il trend del primo semestre 2017 è quasi 3 volte superiore a quello registrato nello stesso periodo del 2016 quando, negli stessi punti venduta delle 3 regioni, l’aumento delle vendite era stato del 2,50%, anche in questo caso contro un calo del settore dello 0,41%. I numeri del primo semestre 2017 seguono i dati di bilancio 2016 anticipati a Il Sole 24 Ore e che fanno registrare un aumento del 21,8% – per un giro d’affari in valore 1,250 miliardi di euro – delle vendite al pubblico ottenute in tutta la rete presente in Puglia, Campania, Molise, Basilicata e Calabria e che conta circa 5mila collaboratori. In totale le vendite sono aumentate di 234 milioni di euro rispetto all’anno precedente, frutto dell’ingresso, nell’orbita del gruppo Megamark guidato da Giovanni Pomarico, di altri 30 supermercati acquisiti o affiliati in Campania, tra la fine del 2015 e la metà del 2016.

Dietro questi forti incrementi di vendite vi sono, sia nel 2016 che nel primo semestre 2017,anche e soprattutto i risultati ottenuti nei reparti del fresco, in particolare nei banchi ortofrutta e pescheria cresciuti, nei primi sei mesi, rispettivamente, del 14,6% e del 6,4%. «E vi è anche – spiega Pomarico – l’apprezzamento dei consumatori nei confronti dei prodotti freschi, di elevata qualità e tipici dei territori meridionali, oltre che dell’attenzione crescente verso stili alimentari virtuosi con veri e propri boom di vendite per i prodotti biologici (+54,9%) e salutistici (+21,8%)». La novità nel gruppo è invece la decisione di “diversificare” nel pet care con l’apertura, entro la fine dell’anno, di 4 punti vendita interamente dedicati ai prodotti per animali, un investimento da 1,5 milioni di euro. Il primo viene aperto il 20 luglio, a Bisceglie, nella Bat, e la catena si chiamerà Joe Zampetti. A quello di Bisceglie seguirà il punto vendita di Bari, per fine agosto, e altre due aperture sono previste per la fine di quest’anno.

La diversificazione nel settore dei prodotti per animali era iniziata già a dicembre scorso quando il gruppo pugliese aveva acquisito il 42% del capitale sociale di Bauzaar srl (start-up impegnata nell’e-commerce di prodotti per animali domestici) cui è seguito, 5 mesi fa, un ulteriore 13,58%. Il fatturato annuo atteso dai primi quattro punti vendita è stimato in circa 4 milioni di euro, cui aggiungere i 2 milioni annui di fatturato che si prevede di raggiungere già nel 2017 dal sito Bauzaar (sono stati 1,2 milioni nel 2016).

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...