royal wedding 2018

Meghan e Harry sposi: com’è stato il matrimonio

di Angela Manganaro


Royal wedding, "I will": Harry e Meghan sono ufficialmente sposi

3' di lettura

La sposa era castigatissima. Se si dovesse raccontare a qualcuno che nel globo non ha sbirciato il matrimonio dell’anno, forse per prima cosa si direbbe questo. Meghan Markle, futura duchessa di Sussex, arriva in chiesa con un minimale e quasi monastico vestito e un lungo, lunghissimo velo come nubenda che mai prima d’ora si è esposta al mondo. Vestito di Givenchy ma disegnato da Clare Waight Keller, stilista britannica nonché prima donna a guidare la maison francese da un anno al posto di Riccardo Tisci.

Al confronto Kate Middleton sposa nel 2011, da oggi sua cognata e futura regina, era succinta almeno le si vedeva il bel vitino in quel bustino di pizzi penalizzato dalla performance della sorella Pippa. Meghan sceglie invece un abito semplice ed elegante, scelta impeccabile e cauta: seta color avorio con lungo velo che rappresenta i 53 paesi del Commonwealth; la tiara è una fascia di diamanti del 1932 fermata da una spilla del 1893 prestata dalla Regina Elisabetta.

Givenchy evoca non tanto la Francia di Macron quanto un’idea di glamour e una certa America perché marchio amato e indossato da Audrey Hepburn e Jackie Kennedy poi Onassis.

Harry e Meghan all’altare

Si è detto di tutto del royal wedding 2018 - costo 32 milioni di sterline, un miliardo l’indotto - rimaneva dunque la curiosità classica di ogni matrimonio, com’era la sposa, se non si vuole davvero credere alle letture femministe - nulla più del femminismo soprattutto di questi tempi è citato a sproposito - di una Meghan che si impunta e non vuole farsi accompagnare dal principe Carlo all’altare.

L'entrata trionfale di Meghan nella St George Chapelle

Siccome il femminismo deve entrarci per forza, quasi a politicizzare una famiglia che si è sempre tenuta lontana da espliciti messaggi non foss’altro per dovere istituzionale, si sottolinea allora che la Waight Keller è più la prima donna a guidare Givenchy che stilista britannica (connotazione patriottica che pur non può mancare).

Non sappiamo al momento quanti passi Meghan abbia fatto da sola e quanti al fianco del suocero futuro re d’Inghilterra il quale, hanno notato giornalisti britannici su Twitter, «ha acconsentito ad accompagnare all’altare una persona che avrà visto cinque, sei volte nella vita».

La sposa con la famiglia reale sullo sfondo

Finora sappiamo che lo sposo era più emozionato della sposa, le ha detto «you look amazing» , la dolce mamma Doria col piercing ha pianto, la famiglia reale al completo come a svolgere un impegno di routine. Un coro gospel ha cantato Stand by me, il vescovo di Chicago Michael Curry ha parlato di forza dell’amore che trova «la sua sorgente in Dio».

Il contorno. Il difficile campionato di chi aveva il cappello più inglese pare vinto da una fuoriclasse della specialità, Camilla moglie di Carlo e matrigna dello sposo.

Carlo con la moglie Camilla

Sempre apprezzata e promossa l’unica donna che gioca in un campionato tutto suo con i suoi fiori e colori, la regina, accompagnata dal marito Filippo, sceglie un verde che alcuni battezzano giallo.

La regina Elisabetta e il principe Filippo

Probabilmente tutto sarà stato predisposto perché il principe Filippo non la incrociasse ma al matrimonio, voluta fortemente dal nipote Harry, c’era pure la ex nuora di Elisabetta ex moglie del figlio Andrew, Sarah Ferguson, la sopravvissuta del grande Duo degli anni Ottanta, Sarah e Diana, le due mogli che ci hanno intrattenuto come Kate e Meghan non potranno né forse vorranno mai fare. Fergie, esclusa dalle nozze di William e Kate nel 2011, è stata però invitata solo in chiesa, non al secondo ricevimento riservato agli happy few.

Sarah Ferguson, detta Fergie

Tra gli invitati famosi più splendenti spicca Amal, moglie di George Clooney che supera in agilità una tristanzuola Victoria Beckam. «Amal arriva in un vestito di Stella McCartney accanto al marito» scrive il Guardian, re George completamente oscurato anche perché in piena fase «mi vesto come mio padre».

Amal e George Clooney

L’America, le celebrità e l’orgoglio nero erano adeguatamente rappresentati con il gospel, l’emotivo vescovo di Chicago, il meritevole giovane violoncellista afrobritannico Sheku Kanneh-Mason, la campionessa Serena Williams e la star tv Oprah Winfrey, la regina d’America che con gli occhiali da sole, al pari della sposa neo duchessa, mostra di sentirsi perfettamente a suo agio. Altroché.

Oprah Winfrey

.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...