turismo enogastronomico

La sfida di Merano: hub gourmet per la promozione dei vini di eccellenza

di Vincenzo Chierchia


default onloading pic

2' di lettura

Merano lancia la sfida sul vino. Dal 1992 il Merano wine festival rappresenta un appuntamento di riferimento nel campo enologico, gastronomico e turistico. La cittadina altoatesina ha investito molto anche per promuoversi come destinazione per vacanze in montagna e benessere, con la realizzazione del principale polo termale a sud delle Alpi ed una importante stazione invernale ed estiva. Ora si rilancia sull’enoturismo e sula promozione del vino con nuovi progetti che si basano su un nuovo assetto organizzativo cui dovrebbero far capo le attività organizzative della rassegna che si svoge a novembre e lo sviluppo delle iniziative che ricadono sotto l’ombrello di WineHunter events. Come ha spiegato Helmuth Koecher, presidente e fondatore del Merano WineFestival e amministratore di Gourmet's International e The WineHunter - nella presentazione presso lo Spazio Campania a Milano - il fulcro delle attività sarà una fondazione aperta al territorio e ai produttori che svilupperà tutte le attività. «Potremmo definirla come una sorta di Nobel del vino - spiega - che attribuisce certificati di eccellenza riconosciuti a livello internazionale. E al tempo stesso favorisce l’incontro tra vino e finanza, un po’ come succede a Bordeaux in Francia. Nel frattempo sono in crescita le attività internazionali. Sotto l’egida WineHunter, ad esempio, sono in programma eventi a Zurigo (3 giugno), Houston e new Orleans in Usa ( 3-5 giugno), Vienna (17 giugno), mentre Wine&Siena è in programma tra 1 e 3 febbraio 2020. A metà settembre inizieranno con Roma le previews del Merano wine festival.

«Abbiamo grandi obiettivi per il 2019, al primo posto l’ampliamento della partecipazione delle aziende internazionali al merano wine festival - dice Koecher -. Dopo gli Usa con WineHunter guardiano a Svizzera e Oriente. Nel frattempo è partita l’attività di scouting internazionale di WineHunter . Le prime mosse riguardano il Libano e la Valle della Bekaa, l’Argentina, il Cile e la Nuova Zelanda. Faro sul sake giapponese. Nel 2018 le etichette valutate per i WineHunter Awards sono state oltre 5mila.

Le novità di quest’anno. Il WineHunter pubblicherà per la prima volta l'elenco di: 100 migliori vini italiani in tutte le categorie (rossi, bianchi, rosati, dolci e bollicine…); 5 migliori vini di una regione in tutte le categorie (rossi, bianchi, rosati, dolci e bollicine…); Aziende vinicole italiane che con costanza partecipano da anni al Merano WineFestival e agli eventi WineHunter.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...