distribuzione

Mercatone Uno: buco da 400 milioni con i fornitori, chiusi i negozi

di Ilaria Vesentini


default onloading pic
(13683)

3' di lettura

I 55 negozi Mercatone Uno chiusi da sabato scorso per il fallimento della proprietà Shernon Holding non riaprono: è questa la novità emersa dal tavolo tecnico al Mise appena finito con i fornitori e le unità di crisi di tutte le regioni coinvolte. L'amministrazione straordinaria ex legge Marzano può durare al massino 4 anni ed è ormai scaduta, essendo partita nell'aprile 2015. Va quindi riaperta una procedura ex novo, per retrocedere i compendi aziendali della Shernon, unica strada per attivare gli ammortizzatori sociali a vantaggio dei 1.800 dipendenti rimasti a casa senza preavviso lo scorso week-end (con un messaggio via Facebook) e per poter riaprire i punti vendita nel tentativo di salvare il valore delle attività commerciali. Ma la decisione spetta al Tribunale di Bologna, da cui finora non sono arrivate comunicazioni o segnali.
«La nostra richiesta è che vengano sostituiti tutti e tre i commissari, sul loro operato vogliamo chiarezza» afferma all'uscita dell'incontro in via Molise William Beozzo, presidente l'Associazione Fornitori Mercatone Uno A.S., costituita poche settimane fa per cercare di tutelare gli oltre 500 fornitori strozzati da quattro anni di malagestione. Rischiano infatti di restare scoperti non solo i fornitori che al 2015, con l'ingresso in procedura straordinaria, vantavano 180 milioni di crediti verso la proprietà Cenni-Valentini, ma anche chi ha fornito immobili e merci al gruppo distributivo di Imola negli ultimi quattro anni, convinto di essere tutelato dal controllo pubblico del Mise: si parla di altri 180-200 milioni di crediti tra i tre anni di commissariamento (crediti prededucibili) e gli otto mesi sotto bandiera Shernon (fornitori che oggi non hanno neppure la prelazione di creditori prededucibili). «Il sottosegretario Giorgio Girgis Sorial ci ha assicurato che sarà inserita nel decreto Crescita una norma per estendere anche a noi l'accesso al Fondo Serenella (istituito per aiutare le Pmi in crisi a causa del mancato pagamento da parte di altre aziende chiamate in giudizio per i reati come insolvenza fraudolenta e false comunicazioni sociali, Ndr)» spiega Beozzo.
Come le associazioni dei consumatori stanno ventilando l'ipotesi di una azione contro gli amministratori per insolvenza fraudolenta – sono 20mila i clienti Mercatone Uno che hanno versato acconti per 3,8 milioni senza entrare in possesso della merce e che in quanto chirografari non hanno speranze di ottenere qualcosa insinuandosi nel passivo – così anche i fornitori hanno chiesto oggi al Mise accesso agli atti del periodo commissariale per fare chiarezza su come sia stato possibile che un gruppo entrato in procedura con un valore degli asset di 285 milioni (senza considerare il valore del marchio) sia stato svenduto (dopo due bandi a vuoto) a fine 2018 con trattativa privata per appena 70 milioni, di cui incassati la metà (35 milioni, di cui 21 da Cosmo e 12,5 versati da Shernon per i magazzini, sui 49,5 del contratto, con un'operazione di svilimento delle merci intermediata da una società americana su cui il Tribunale di Milano sta indagando). Accumulando nel frattempo altri 350 milioni abbondanti di perdite (tra i 265 dei tre anni di procedura e i 95 milioni di Shernon).
Dai dati delle stesse relazioni commissariali (assai ermetiche) risulta evidente che i tre manager incaricati dal Mise di garantire la continuità e il valore aziendale e il soddisfacimento dei creditori non solo non abbiano rispettato il mandato, ma non abbiano denunciato lo stato di default per tempo - nonostante le segnalazioni degli stessi fornitori al comitato di sorveglianza del Mise - visto che il rosso aumentava di 5,5 milioni ogni mese. E i tre commissari pare abbiano invece guadagnato per i tre anni di attività oltre 7 milioni.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...