BENZINA ADDIO

Mercedes ECQ, abbiamo guidato il suv elettrico della Stella: ecco come va

di Simonluca Pini


default onloading pic

3' di lettura

Mercedes Eqc sceglie Oslo per la prima prova su strada. Il motivo è legato all'attenzione della Norvegia verso le auto elettriche, a partire da una rete di infrastrutture paragonabile ai distributori di carburante ma soprattutto ad una tassazione che incentiva l'acquisto di auto a zero emissioni. Primo modello di una gamma vedrà l'arrivo di 10 auto elettriche entro il 2022, la nuova Eqc è suv formato famiglia con un'autonomia dichiarata di oltre 400 chilometri che nell'uso reale si traducono in circa 350 km reali.

Mercedes ECQ, abbiamo guidato il suv elettrico della Stella: ecco come va

Mercedes ECQ, abbiamo guidato il suv elettrico della Stella: ecco come va

Photogallery25 foto

Visualizza

Lunga 4,76 metri, larga 1,88 e alta 1,62 metri con un passo di 2,87 metri, la concorrente di Audi e-tron e Jaguar i-Pace è spinta da due motori elettrici per un totale di 300 Kw e viene prodotta nell'impianto di Brema sulle stesse linee di Classe C e Glc. Già ordinabile e pronta ad arrivar su strada in Italia in autunno, la Ecq apre una nuova era di Mercedes che vedrà l'arrivo di oltre 10 modelli elettrici entro il 2022 per arrivare nel 2030 alle metà delle vendite rappresentate da elettriche o ibride plug-in e nel 2039 la gamma della Stella sarà interamente “carbon neutral”.

Interni Mercedes Eqc
A bordo l'ambiente gli ultimi modelli Mercedes partendo dal volante e dal doppio schermo da 10.25”da dove gestire l'infotainment con una versione specifica del sistema Mbux. Oltre alla grafica personalizzata, sono presenti speciali schermate dedicate ai flussi di energia, all'autonomia, all'analisi della guida e alle fasi di ricarica. Il sistema di navigazione è poi dotato di funzionalità aggiuntive e dall'infotainment vengono anche controllate le modalità di guida, oltre ad assicurare la connessione con Apple CarPlay e Android Auto. La versione dedicata della app Mercedes Me consente inoltre di gestire da remoto la pre-climatizzazione, l'impostazione dei percorsi di navigazione con l'analisi dell'autonomia necessaria e l'integrazione del network Mercedes Me Charge per la ricerca e il pagamento delle colonnine.

Mercedes Eqc, prova su strada
Su strada si può intervenire per modificare l'intensità del recupero di energia su cinque parametri (e scegliere tra gli stili di guida Comfort, Eco, Max Range, Sport e Individual. Con Max Range la guida diventa predittiva e la vettura legge la segnaletica stradale non permette ( a meno di una vigorosa pressione sull'acceleratore) di superare i limiti ma soprattutto indica con feedback aptici la corretta pressione del gas in base alle condizioni della strada. Alla massima rigenerazione il pedale del freno diventa quasi superfluo, con la possibilità di guidare con un solo pedale. Passando alle prestazioni sono di tutto rispetto, grazie ai due motori in grado di generare una potenza massima di 300 kW e 760 Nm di coppia scaricati sulla trazione integrale. Tra le curve la EQC mostra un buon compromesso tra comfort e piacere di guida, il tutto amplificato dal silenzio che regna sovrano. Leggendo la scheda tecnica troviamo una velocità massima limitata elettronicamente di 180 km/h, uno scatto da 0 a 100 km/h 5,1 secondi e un consumo medio dichiarato di 22,2 kWh/100 km. Buona l'autonomia ma non di riferimento, con una chilometraggio da 374 a 417 km calcolati secondo il ciclo Wltp ma nell'uso reale è difficile raggiungere i 350. I tempi di ricarica completa delle batterie da 80 kWh variano dalle 11 ore dei sistemi delle abitazioni private ai 40 minuti delle colonnine rapide a 400 V. Sul fronte dello spazio si viaggia comodi anche in cinque e il baule ha una capacità da 500 litri.

Mercedes Eqc, prezzi da 76.839 euro
Passando al listino si può scegliere tra la Sport a 76.839 euro o la Premium a 80.449 euro, mentre le versioni Edition Europe e Edition 1886 sono commercializzate rispettivamente 83.963 a 87.221 euro. Sulla Edition 1886 sei anni o 160.000 km di manutenzione inclusa. Promossa la dotazione di serie, a partire dai fari Multibeam Led, il quadro strumenti digitale e l'impianto di infotainment con touch screen da 10,25”. Come tradizione la lista di accessori permette di personalizzare la vettura in base alle proprie esigenze aggiungendo dotazioni tra cui il tetto scorrevole di cristallo (1.268 euro), l'head-up display (1.208 euro) e il pacchetto di sistemi di assistenza alla guida.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti