TRANSIZIONE INDUSTRIALE

Mercedes, il futuro è l’elettrico, ma nessuno stop ai motori a combustione interna

Daimler chiarisce la posizione ufficiale del Gruppo sul tema

di Corrado Canali


default onloading pic

2' di lettura

In un clima sempre più concitato sul tema ormai di grande attualità l'elettrificazione si era sparsa la “voce” che il Gruppo Daimler avesse per il futuro deciso di lasciare spazio soltanto alle nuove vetture a zero emissioni e quindi niente più motori Mercedes a combustione interna, ma solo elettrici.

La generazione più recente di motore termici appena lanciati sul mercato era, dunque, sembrata l'ultima per la Casa tedesca, così almeno si erano espressi con alcune dichiarazioni i top manager di Daimler in occasione del recente Salone di Francoforte.

Era stato Markus Schaefer, ma non solo, in qualità dello sviluppo di Daimler, ad aver dichiarato che non c'era in programma la realizzazione di nessun altro motore a combustione interna di nuova generazione, visto che il costruttore della “stella” si stava concentrando soltanto ed esclusivamente sulla produzione di unità esclusivamente elettriche.

Pronta al riguardo è arrivata la puntualizzazione ufficiale di Daimler che da Stoccarda speaga che il Gruppo non ha deliberato alcuna decisione di cessare lo sviluppo dei motori termici. La generazione più recente di propulsori che prevede degli innovativi motori Diesel e a benzina è ancora in fase di introduzione e sarà ampliata con ulteriori varianti più efficienti delle attuali.

Pertanto per il momento, fanno sapere da Stoccarda, non sono state già prese decisioni su una potenziale prossima generazione. Confermato, invece, l'obiettivo della mobilità ad emissioni zero, visto che nei prossimi 20 anni e dunque fino al 2039 Daimler si concentrerà su una nuova gamma di veicoli a batteria o più in generale elettrificati.

Tanto che già entro il 2030 oltre la metà delle auto vendute lanciate sarà rappresentato da plug-in hybrid o da elettriche. Circa il 50% avrà, di conseguenza, un motore a combustione interna abbinato ad un'unità elettrica. Ma dalla stessa Daimler è venuta anche la conferma che per i furori propulsori, la strategia del Gruppo sarà basata su tre diverse direttrici.

Un mix, insomma, allo stato attuale dell'arte della tecnologia, di propulsori a combustione interna, ma anche anche a 48 volt e ancora plug-in hybrid ed elettrici puri con una alimentazione a batteria o anche ad idrogeno per offrire così alla grande varietà della propria clientela in tutto il mondo, il veicolo più giusto.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...