La strategia

Mercedes, solo elettriche ma (per ora) resta l’ibrido

Lo sviluppo delle nuove architetture è esclusivamente alla spina, ma gli endotermici verranno prodotti fina a quando sarà conveniente.

di Simonluca Pini

(Daimler AG)

2' di lettura

Produrre auto endotemiche fino a quando sarà conveniente farlo. Allo stesso tempo sviluppare nuove architetture esclusivamente elettriche dal 2025 e già dal prossimo anno avere una versione a zero emissioni in tutti i segmenti in cui è presente. È questa la strategia di Mercedes, pronta ad investire oltre 40 miliardi di euro dal 2022 al 2030 in veicoli elettrici. La strategia del marchio guidato da Ola Kallenius è chiara, con una rotta che porta all’elettrificazione totale ma al tempo stesso continua ad offrire valide soluzioni ibride alla propria clientela. La prima edizione del Salone della Mobilità di Monaco di Baviera ha mostrato le ultime novità della Stella, partendo dall’inedita Mercedes EQE in grado di coniugare la trazione puramente elettrica alla tecnologia portata al debutto dall’ammiraglia EQS. Alter ego a zero emissioni della Classe E, la EQE svela qualità come l’autonomia superiore ai 600 km e novità hi-tech a partire dallo schermo a tutta plancia battezzato Hyperscreen. Scorrendo l’elenco delle recenti anteprime presentate dal costruttore di Stoccarda spicca la Amg- Eqs 53, primo modello elettrico da 761 cavalli prodotto dalla divisione sportiva di Affalterback, la Mercedes Maybach EQS ma soprattutto la concept car EQG. La sigla anticipa la trasformazione dell’iconico fuoristrada Classe G in un 4x4 privo di pistoni, unendo così tradizione ed innovazione. Le batterie di ioni di litio sono anche il “carburante” della nuova Smart Concept #1, prototipo nata dalla nuova joint venture tra Daimler e il gruppo cinese Geely. Pronta ad arrivare su strada in versione definitiva dal prossimo anno, l’inedita Smart dice addio alle dimensioni super compatte del modello attuale e introduce uno stile da suv urbano alimentato a batteria e con abitacolo iper connesso.

Mercedes-Benz Concept EQG Mercedes-Benz Concept EQG

Se la nuova gamma elettrica potrà contare su investimenti a sette zeri, i motori a combustione e le tecnologie ibride plug-in vedranno un calo delle risorse disponibili dell’80% tra il 2019 e il 2026. Questo non significa però che Mercedes abbandonerà definitivamente i motori termici con sistemi ibridi per puntare esclusivamente sull’elettrico, come dimostra il debutto della nuova Mercedes Classe C con gamma completamente ibrida. A differenza di altri costruttori premium tedeschi, il marchio della Stella è pronto alla più importante transizione della mobilità ma al tempo stesso aggiorna in maniera significativa la propria gamma endotermica elettrificata. Oltre alla nuova Classe C, la lista di novità non elettriche vede il debutto entro fine anno della nuova Mercedes SL confermando così l’ampiezza e la varietà di gamma del costruttore guidato da Kallenius.

Loading...

Per rispondere a tutte le esigenze del mercato nel 2025 Mercedes-Benz lancerà tre architetture 100% elettriche, partendo dalla Mb.Ea che sarà utilizzata per la produzione di veicoli nei segmenti medio e large grazie ad un sistema modulare scalabile altamente personalizzabile. I modelli elettrici dalle maggiori prestazioni verranno prodotti sulla piattaforma Amg.Ea, mentre van elettrici e i veicoli commerciali leggeri verranno realizzati grazie alla nascita dall’architettura Van.Ea.

Una gamma completamente elettrica avrà bisogno di un importante quantità di accumulatori e per questo motivo Mercedes-Benz prevede di creare per la produzione di celle otto gigafabbriche in tutto il mondo, insieme ai suoi partner, con una capacità complessiva di oltre 200 gigawattora.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti