DISCORSO AL PARLAMENTO EUROPEO

Merkel: sì a un esercito europeo. Il nazionalismo porta alle guerre

di Beda Romano


default onloading pic
Angela Merkel durante il discorso, molto applaudito al Parlamento europeo a Strasburgo (Reuters)

3' di lettura

DAL NOSTRO CORRISPONDENTE
BRUXELLES - Con un discorso che ha ben riflettuto il suo carattere pragmatico e metodico, la cancelliera Angela Merkel ha lanciato oggi un appello alla tolleranza e alla solidarietà. Il richiamo è sembrato rivolto tanto all'interno che all'esterno dell'Unione in un momento di gravissime divisioni sia a livello mondiale che sul fronte europeo. Con un occhio all'Italia, ha ricordato che la valuta unica richiede il rispetto delle regole e «la piena condivisione delle responsabilità di ciascuno».

Il futuro dell’euro dipende dalla responsabilità di ciascuno
«L'Unione europea è basata su regole decise in comune – ha detto la signora Merkel parlando dinanzi al Parlamento europeo –. La stessa moneta unica richiede che ciascuno di noi rispetti i suoi impegni. Il futuro dell'euro dipende dalla piena condivisione delle responsanilità di ciascuno». La presa di posizione giunge mentre agli occhi dei suoi partner il governo Conte sta mettendo a rischio la stabilità dell'unione monetaria con una Finanziaria in aperta violazione delle regole del Patto di Stabilità.

«Va tenuta in considerazione la stabilità finanziaria che sta alla base della moneta unica, che a sua volta può funzionare solo se ogni Paese rispetta all'interno tale valore e mostra responsabilità per quanto riguarda la stabilità finanziaria», ha precisato ancora la cancelliera a Strasburgo, senza mai citare l'Italia. La signora Merkel si è anche detta a favore di completare l'unione bancaria. Ha riaffermato l'idea che la zona euro si doti di una assicurazione unica dei depositi, questione che per sta dividendo i paesi membri e che la Germania ha finora frenato.

Appello a tolleranza e solidarietà
Nel suo discorso, la cancelliera ha messo l'accento sulla necessità di coltivare la tolleranza per permettere la solidarietà. Questi due concetti «sono il nostro futuro comune (…) Vi assicuro colleghi che vale la pena lottare per essi». In questo contesto, la signora Merkel ha messo l'accento sulla questione migratoria, che va “al cuore” dei problemi europei. «È un tema centrale che riguarda i rapporti con il nostro vicinato, dobbiamo trovare percorsi comuni e rinunciare ad un pezzettino di sovranità nazionale per poter fare qualcosa insieme in comune».

Sì a un esercito europeo, nel quadro della Nato
Sul fronte della difesa, la cancelliera ha detto che in prospettiva l'Europa deve pensare di avere a sua disposizione «un esercito europeo», e non più solo una forza d'intervento rapido. L'esercito europeo «sarebbe una ottima appendice alla Nato», ha precisato la signora Merkel, pur di salvaguardare delicati rapporti transatlantici. Il discorso della cancelliera ha provocato le proteste dai banchi dei partiti più nazionalisti. «Dalle reazioni che ho suscitato mi sembra di avere parlato degli argomenti giusti», ha detto la dirigente politica sorridendo ai deputati.

Il nazionalismo porta alle guerre
Al potere da quasi 13 anni, la signora Merkel, 64 anni, sta attraversando un momento politico difficile. Dopo una scia di sconfitte elettorali a livello regionale, ha deciso di non ricandidarsi alla guida del partito democristiano in occasione del congresso previsto in dicembre. Tornando sui passi dell'allora presidente francese François Mitterrand che nel 1995 sempre a Strasburgo lanciò l'allarme, sostenendo che «il nazionalismo corrisponde alla guerra», ha avvertito: «Il nazionalismo non deve più avere posto in Europa». La diffusione del fenomeno sta tornando d'attualità proprio mentre l'Europa celebra il centenario della fine della Prima guerra mondiale.

Juncker: la Germania faccia di più per l’Europa
Al discorso della signora Merkel nell'aula di Strasburgo, meno di trenta minuti e senza grandi slanci retorici, ha risposto il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker. Quest'ultimo ha salutato la scelta controversa della cancelliera di aprire le frontiere della Germania a migliaia di rifugiati nel 2015. Nel contempo, tuttavia, ha esortato il più popoloso e ricco paese dell'Unione «a fare di più, a sostenere un po' di più le iniziative della Commissione europea». Ha spiegato: «Ne guadagnerebbe in grandezza».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...