il vertice notturno a palazzo chigi

Mes, ancora fumata nera. Tensione Pd-M5S: «Decidano le Camere»

Terminato nella notte un vertice di 4 ore a Palazzo Chigi, senza ancora un accordo nella maggioranza sul fondo salva-stati. Le posizioni di M5s e Pd «sono diverse», ammette di Maio. Conte riferisce oggi in Parlamento


A Bruxelles si lima il testo del Mes (meccanismo europeo stabilita')

2' di lettura

Governo spaccato sul Salva Stati, il Meccanismo europeo di stabilità (Mes) a poche ore dall’intervento del presidente del Consiglio Giuseppe Conte in parlamento.

Conte riferisce in parlamento sullo stato della trattativa
Alle 13 il premier riferirà sullo stato del negoziato con l’Unione europea mentre dal vertice di quattro ore che si è tenuto nella serata di domenica primo dicembre sono emerse spaccature e divisioni nella maggioranza: un accordo, infatti, non è stato ancora trovato tra i principali azionisti del governo, Pd e M5S.

Permangono le distanze tra M5S e Pd
Le posizioni sono diverse, ha ammesso Luigi Di Maio: il Pd è favorevole, il M5S contrario. A questo punto decideranno le Camere dopo il dibattito parlamentare previsto per l’11 dicembre quando, dopo le comunicazioni del premier in vista del Consiglio Ue, la maggioranza sarà chiamata a varare una risoluzione comune. Il governo rischia grosso. Italia Viva di Matteo Renzi non ha partipato all’incontro, mettendo in evidenza che la partita, per quanto riguarda il Fondo Salva Stati, è tra Cinque Stelle e Dem.

Occhi puntati sulla risoluzione di maggioranza
Insomma, ogni decisione finale su un negoziato che va avanti da tempo - ci ha lavorato a lungo l’ex ministro dell’Economia Giovanni Tria - arriverà dopo un pronunciamento del Parlamento. «Nessuna luce verde è stata data a Gualtieri finché il Parlamento non si esprimerà», ha sottolineato a tarda notte Luigi Di Maio, anticipando che l'11 dicembre il M5S presenterà una risoluzione in cui si chiederà a Conte di chiedere al Consiglio Ue di dicembre, il miglioramento dell’intero pacchetto di riforme dell’Unione economica e monetaria. Con il rischio che la risoluzione sul Mes diventi un doppione di quella che, sulla Tav, anticipò la fine del governo giallo-verde.

Per approfondire:
Dal Mes alla giustizia, i sei fronti che paralizzano la maggioranza
L’ex ministro Tria: Mes: la riforma non peggiora le regole in vigore
Mes, che cos’è e come funziona
Mes, la bozza di riforma del trattato Ue

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...