colpo di scena

Messi (suo malgrado) resta al Barcellona per evitare una battaglia legale

L'attaccante argentino ha però accusato i vertici del club.«Non ero contento e volevo andarmene. Non mi è stato permesso in alcun modo e dunque rimarrò nel club per non incorrere in una disputa legale

Messi resta al Barcellona: Bartomeu non ha mantenuto la parola

2' di lettura

Lionel Messi ha messo fine alle speculazioni sul suo futuro a Barcellona annunciando venerdì che resterà a malincuore per un'altra stagione piuttosto che affrontare il club in tribunale.

Una settimana dopo aver detto di voler lasciare la Liga, e con una serie di contatti ancora in corso, il 33enne sei volte Pallone d’oro ha dato la notizia che i tifosi del Barca aspettavano. L'attaccante argentino ha però accusato i vertici del club. «Non ero contento e volevo andarmene. Non mi è stato permesso in alcun modo e dunque rimarrò nel club per non incorrere in una disputa legale», ha detto al sito Goal.com. «La gestione del club guidata da Bartomeu (il presidente, ndr) è un disastro.Ho detto al club, in particolare al presidente, che volevo andarmene. Lo sapevano dall'inizio della passata stagione. Gliel'ho detto per tutti gli ultimi 12 mesi. Ma resterò qui perché non voglio iniziare una guerra legale. Non farei mai causa al Barcellona perchè è il club che amo, che mi ha dato tutto sin da quando sono arrivato, è il club della mia vita, ho passato la vita qui. Il Barça mi ha dato tutto e io ho dato tutto. So che non mi è mai passato per la testa portare il Barcellona in tribunale».

Loading...

Rimanendo al club catalano per il quarto e ultimo anno del suo contratto, Messi ha diritto a un bonus fedeltà di 63 milioni di sterline (83,38 milioni di dollari) e potrà andarsene senza spese di trasferimento.Venerdì scorso, il padre di Messi e il rappresentante Jorge avevano insistito in una lettera a La Liga che una clausola di 700 milioni di euro (828,03 milioni di dollari) nel contratto del giocatore non era valida e che suo figlio poteva andarsene gratuitamente». La Liga ha risposto alla lettera di Jorge Messi dicendo di sostenere la posizione del Barcellona.La settimana scorsa Messi ha «sganciato la bomba» annunciando che voleva lasciare il club e che poteva farlo con un trasferimento gratuito.

«È stato un anno molto complicato - ha confessato il campione argentino - ho sofferto molto durante gli allenamenti, nelle partite, nello spogliatoio. Era diventato tutto molto difficile per me ed ho pensato di andare in cerca di nuovi obiettivi, di aria nuova». «Non è stato a causa del risultato in Champions contro il Bayern - ha aggiunto - era da molto tempo che stavo pensando a questa decisione. L'ho detto al presidente e il presidente mi ha sempre detto che alla fine della stagione avrei potuto decidere se andarmene o se restare e alla fine non ha mantenuto la sua parola».

Domenica non si è presentato per una visita medica pre-campionato, facendo sembrare ancora più probabile un trasferimento.I suoi avvocati volevano invocare una clausola del suo contratto quadriennale, firmato nel 2017, che avrebbe permesso all'attaccante di lasciare il club gratuitamente se l'avesse richiesto entro il 10 giugno.Hanno sostenuto che quella data - nominalmente la fine della stagione - era irrilevante dopo che la nuova pandemia di coronavirus ha costretto a prolungare la campagna de La Liga fino al mese di agosto.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti