MUSEI E BIENNALI

Met, il direttore e ceo Campbell si «dimette» a causa del deficit

di Maria Adelaide Marchesoni

Thomas Campbell

2' di lettura

Thomas P. Campbell, direttore e ceo di The Metropolitan Museum of Art , si dimette e lascerà la carica alla fine di giugno. Le dimissioni benché volontarie sembrano tuttavia rispondere a una sollecitazione da parte del Board del museo. Negli ultimi tempi, infatti, il direttore della più importante istituzione culturale mondiale, è stato criticato per il suo operato che ha portato alle attuali difficoltà economiche e finanziarie.
Nonostante l'aumento dei visitatori, che nell'anno fiscale 2016 hanno raggiunto nelle tre sedi a New York 6,7 milioni, il numero più elevato degli ultimi quarant'anni e il quinto anno consecutivo che l'affluenza supera i 6 milioni, il deficit del museo sta aumentando e le proiezioni indicano che sia prossimo ai 40 milioni di dollari. Una situazione insostenibile che andrebbe a riflettersi sulla contrazione del fondo di dotazione dell'istituzione.

La causa del peggioramento dei conti degli ultimi anni va ricercata nell'aumento dei costi operativi per l'opening del Met Breuer , il potenziamento della struttura, con numerose assunzioni, dedicata alla digitalizzazione del museo che ha portato all'utilizzo del fondo di dotazione per la copertura dei costi. Il museo ha, quindi, avviato significative misure per contenere il deficit che comprendono una riduzione della programmazione da 60 a 40 mostre e posticipare l'espansione da 600 milioni di dollari della nuova ala progettata da David Chipperfield.

Loading...

Senza l'attuazione di misure restrittive il 2016 avrebbe evidenziato una perdita potenziale di 23 milioni di dollari rispetto al deficit conseguito pari a 8,3 milioni di dollari. Le misure e la ristrutturazione avviata non hanno tuttavia soddisfatto il Board of Trustee, che attraverso i suoi membri, mecenati e corporate, rappresenta la più importante fonte di finanziamento dell'istituzione americana. Daniel Brodsky, presidente del Board of Directors del Met ha annunciato un piano di transizione e in questa fase il presidente del Met, Daniel Weiss, assumerà l'incarico in qualità di ceo ad interim.

Campbell nominato nel 1996 come assistente curatore presso il Dipartimento di scultura europea e arti decorative e curatore della Antonio Ratti Textile Center, è stato curatore per 13 anni, e ha organizzato due mostre di arazzi di grande successo. È stato nominato ceo dal consiglio di amministrazione nell'autunno 2008, succedendo a Philippe de Montebello, direttore del Met per 31 anni prima di andare in pensione alla fine del 2008. Durante il suo mandato, la partecipazione complessiva del museo è cresciuto del 40% a un record di 6,7 milioni nei tre siti a New York. Al momento, non è stata rilasciata alcuna dichiarazione in merito a un nuovo incarico di Campbell dopo le dimissioni.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti