al museo

Metz, il Pompidou celebra il Bauhaus con Oskar Schlemmer

di Maria Adelaide Marchesoni

Oskar Schlemmer, “Dance des cerceaux” (1927) (© 2016 Oskar Schlemmer, Photo Archive C. Raman Schlemmer)

2' di lettura

Il Centre Pompidou di Metz celebra Oskar Schlemmer (1888-1943) con la mostra «Oskar Schlemmer: The Dancing Artist». Artista e coreografo importante figura del XX secolo che ha rivoluzionato la danza e la performance art all’interno del Bauhaus. La mostra curata da C. Raman Schlemmer, nipote dell’artista, propone oltre ai costumi-sculture progettati dall'artista anche una selezione di disegni. Tra questi la raccolta degli schizzi di Tanz Figurinen, che ha catturato il pensiero di Schlemmer per circa 15 anni. La mostra presenta anche una vasta selezione di opere d’arte di Giorgio de Chirico, Constantin Brancusi, Alexandra Exter e altri artisti incontrati al Bauhaus come Vassily Kandinsky, László Mohoy- Nagy e Paul Klee che sottolineano le reciproche influenze con il lavoro di Schlemmer e gli artisti della sua generazione.

I pensieri e le teorie di Schlemmer hanno dato origine alle nuove forme d'arte tra il 1921 e il 1929, quando insegnò come Maestro della forma al Bauhaus, oltre a essere responsabile del seminario “Men”.

Loading...

Le opere, che provengono in gran parte dalla collezione Bühnen Archiv Oskar Schlemmer, mettono in luce il rigore artistico e la costante apertura di Schlemmer alla novità. Attraverso il lavoro di Oskar Schlemmer si esplora e si scopre un altro lato del Bauhaus. Al di là della famosa scuola di arti applicate, il Bauhaus è stato anche un luogo importante per lo sviluppo delle arti performative e le coreografie che continua a influenzare l'attuale performing art. Attraverso la sua attenzione ai corpi in movimento in relazione con lo spazio, Oskar Schlemmer ha stabilito le prime ed essenziali pietre miliari nella storia delle arti dello spettacolo.
Lo scorso 2 dicembre presso la casa d'aste Grisebach GmbH l’opera Unterhaltung der Drei, 1935 (20,5 × 30,4 cm, penna e inchiostro) è stata venduta per 34.845 dollari rispetto alla stima compresa tra 21.443 e 32.164 dollari. Il top price segnato da Christie’s Londra nell’ottobre 1998 con l’opera Grosse Sitzendengruppe 1,1931 (146 x 98 cm, olio su tela ruvida) è stato pari a 3.412.261 rispetto a una stima compresa tra 1.549.853 e 2.066.471 dollari. In galleria da Alice Adam Ltd di Chicago una litografia del 1922 Tänzerin (Dancer) considerata la stampa più importante presenta un prezzo pari a 40mila dollari.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti