ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùRETAIL

Michael Chalhoub: «In Arabia Saudita enorme potenziale. Clienti aperti a nuovi brand»

Il presidente Strategy, Growth, Innovation & Investment and Joint Ventures di Chalhoub Group racconta i nuovi trend della distribuzione (e non solo) nei Paesi del Golfo

di Marta Casadei

L'insegna. Ha compiuto 10 anni

2' di lettura

«Due terzi della spesa dei consumatori sauditi era concentrata all’estero, nelle capitali dello shopping. La pandemia che li ha costretti entro i propri confini e la progressiva evoluzione che l’Arabia Saudita sta vivendo hanno sicuramente inciso, riportando gran parte degli acquisti sul mercato domestico. E le potenzialità sono enormi: il Paese, al momento, non è nemmeno tra i primi tre per spesa in prodotti di lusso nell’area». A offrire uno sguardo puntuale sulle leve che hanno riportato il Medio Oriente - per anni offuscato dal boom in Cina - tra le priorità del lusso internazionale è Michael Chalhoub, president Strategy, Growth, Innovation & Investment and Joint Ventures di Chalhoub Group. Il gruppo, fondato nel 1955, è uno dei principali partner distributivi per marchi di lusso  (Lvmh, Coty, Luxottica) nei Paesi del Golfo con oltre 700 negozi e 40 e-store. Ed è pronto a sbarcare negli Usa con Level Shoes.

Arabia Saudita driver del mercato (che supera i 10 miliardi)

Chalhoub sottolinea le potenzialità di un’Arabia Saudita dove si sta concretizzando l’attuazione del programma Vision 2030, ma conferma come tutto il Medio Oriente sia tornato centrale per il mercato del lusso: «Nel 2021 il mercato dei beni personali di lusso nei paesi del Golfo (Gcc) è salito a 9,7 miliardi di dollari, in aumento del 23% sul 2019, e quest’anno sicuramente è stato sfondato il muro dei 10 miliardi». Da un lato il merito è di una clientela locale «giovane, che ha voglia di spendere ». E dall’altra dei turisti che,oggi più che mai, frequentano gli Emirati: «Dal 2021 si è registrata una crescita record dei turisti e la loro spesa in prodotti di lusso è salita molto», osserva il manager. Che conferma la nutrita presenza di russi: «La loro presenza è aumentata già nel 2021 e mi aspetto per il 2022 un aumento non solo dei turisti russi, ma anche dei residenti».

Loading...

L’evoluzione della clientela locale

La clientela internazionale dà una spinta importante alle vendite, ma è sull’evoluzione di quella locale che Chalhoub pone l’accento: «I consumatori sono alla ricerca di brand che li aiutino a costruire la loro identità. E pur essendo attratti dalle grandi griffe sono anche aperti all’idea di provare prodotti e marchi nuovi». Questo, secondo il manager, accade soprattutto nel segmento dei prodotti di bellezza: «Per questo abbiamo lanciato il nuovo format Beauty Nation, un concept store con marchi indipendenti, che sta avendo molto successo».

Saper raggiungere i consumatori nei loro Paesi è sempre più decisivo: «Per farlo bisogna utilizzare una strategia glocal, con eventi e magari prodotti ad hoc. E non deve mancare il dialogo ibrido: il 100% delle interazioni con i nostri clienti lo scorso anno ha avuto un punto di contatto online».

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti