Gdo E SOSTENIBILITÀ

Micro-ortaggi, la serra diventa portatile. E sbarca nei negozi e a Masterchef

Cefla, azienda imolese, ha brevettato un sistema che permette di coltivare “superfood” in piccole unità mobili per supermercati e ristoranti

di Luisanna Benfatto


default onloading pic
La vetrina-serra hi-tech di Cefla per i micro ortaggi nella cucina di Masterchef

3' di lettura

«Questo sistema che ha appena ottenuto il brevetto europeo – la richiesta era stata presentata due anni fa – permetterà in futuro la coltura di vegetali anche su Marte». Ad affermarlo è Alessandro Pasini, responsabile della business unit lighting di Cefla, azienda imolese che opera dall’ingegneristica al medicale, che ha presentato a Euroshop2020 a Düsseldorf il mobile vetrina per la vendita al dettaglio di microgreen.

«Nella grow unit, a cui lavoriamo da anni in collaborazione con il dipartimento di agraria dell’università di Bologna e Pisa, possono crescere fino a cento qualità di micro ortaggi grazie a una specifica illuminazione a led, irrigazione e ventilazione controllata da un software. Il progetto di mobile serra si presta a diversi usi: sia per la grande distribuzione, sia per la ristorazione. Uno degli esemplari ci è stato richiesto dalla produzione di Masterchef e viene utilizzato dagli aspiranti chef per la preparazione dei piatti».

La grow unit di Cefla

I microgreen (piantine di senape, rucola, crescione, ravanello, amaranto, cavolo rosso, daikon quelli più conosciuti) sono una delle ultime tendenze nel campo della cucina salutare poiché contengono elevate quantità di vitamine E, C e betacarotene, una densità di nutrienti fino a 40 volte superiore rispetto agli omologhi ortaggi cresciuti nei campi. Le mini piantine hanno anche un gusto concentrato e possono sostituire l’uso del sale per insapidire piatte e insalate, sono 100% naturali e sostenibili visto che non hanno bisogno per crescere di sostanze chimiche oltre alla luce e all’acqua in dosi micro, appunto.

«Le proprietà nutritive di un cespo di lattuga al supermercato, in pochi giorni, diminuiscono dal 20 all’80%, questo brevetto applicato fino ad ora ai microgreen ma in futuro anche ad altri vegetali, le mantiene per tutta la durata delle piantine che maturano in 5-7 giorni » aggiunge Pasini.

Una parete di lattuga

«La nostra serra integrata hi-tech è già utilizzata in almeno 50 punti vendita tra Conad Italia (dove sono stati effettuati dei test), i supermercati della catena Rewe in Germania, in Austria presso Unimarkt , in Libano, in una trentina di ristoranti di fascia alta italiani e in alcune scuole di cucina in Svizzera. A Parigi abbiamo appena installato una vertical farm di 150mq all’interno di un esercizio commerciale. Ha anche una versione industriale che è stata adottata nell’impianto Fri-El a Ostellato Ferrrara. Nascono qui gli unici esemplari di pomodoro invernale Made in Italy che si trovano nella gdo. Gli altri provengono dall’Olanda», afferma il manager.

Ad Expo Dubai il sistema che fa cocktail green con le alghe
«Stiamo lavorando ad altri progetti che derivano dalla nostra ricerca sulle lampade scientificamente testate per velocizzare la crescita dei vegetali . Una prevede l’installazione di una parete verticale che presenteremo anche al Macfrut a Rimini dal 5 al 7 maggio adatto alla coltivazione live e alla vendita di lattuga fresca. Il nostro obiettivo è di creare in futuro veri e propri corner nei supermercati, come quelli adottati per la somministrazione del pane, che offriranno ortaggi a km cresciuti sotto gli occhi della clientela».

L’altra novità verrà presentata all’Expo a Dubai. Si tratta del primo impianto di biofissazione di Co2 attraverso le alghe alimentari, «che verranno fatte crescere, essiccate e trasformate in integratori sotto forma liquida e utilizzate in cockatil supergreen dall’alto contenuto di proteine vegetali, durante l’esposizione».

«La terza evoluzione – prosegue – che non riguarda il food, è la creazione di pareti di verde non edibile per gli interni di casa o per uffici pubblici e ospedali capaci di filtrare l’impurità dall’aria e allo stesso tempo regolare l’umidità degli ambienti» conclude il manager.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...