editoria

«Microgrammi», la nuova collana di e-book da Adelphi

Tra le proposte “La casa dei ricchi” di Carlo Emilio Gadda

di Alberto Fraccacreta

3' di lettura

In un momento di grave difficoltà per l'editoria, Adelphi s'è inventata una collana specifica: «Microgrammi», lievi e puntuti e-book in grado di sfagiolare l'interesse del lettore (com'è consueto per questo marchio editoriale) con fulminei interventi inediti o tasselli ritagliati dal guazzabuglio di testi più larghi.

«In un caso e nell'altro, — sottolinea l'Editore — abbiamo cercato di dare a questi minuscoli libri la forma non di un estratto, ma appunto di un libro autonomo, per quanto in miniatura». Insomma, floridi diorami di opere che hanno il deliberato proposito di tenere compagnia nei giorni dell'emergenza, mostrando fin da subito la bruciante passione adelphiana per la rarità e per l'estemporaneità dello scritto. I titoli sinora pubblicati sono sei.
Il primo della lista è Dolore del Premio Nobel Vidiadhar Surajprasad Naipaul, edito in anteprima sul «New Yorker» il 6 gennaio di quest'anno. Compaiono il gatto Augustus e il padre dello scrittore, Seepersad, in qualità di romanziere «della diaspora indiana», capace di coniugare le «antiche usanze» e l'«espressività moderna». C'è Shiva, fratello di Naipaul, morto a quarant'anni e anche lui autore promettente. Sono tutte figure legate dal nodo psicologico della sofferenza, ricordate con una lucidità e un affetto senza reticenze.

Loading...

Un delitto in Gabon di Georges Simenon è, invece, l'anticipazione in due racconti (l'omonimo e La linea del deserto) di un volume più vasto di prossima pubblicazione, che prevede in tutto cinque storie apparse nella collana «Police-Roman» alla fine degli anni Trenta. Questi superbi testi «esotici», composti a La Rochelle, confermano il nitore espressivo del giallista belga, sempre straordinario nel ricreare e nell'esteriorizzare le atmosfere inquiete ed elettriche della personalità umana.

Anche Fratelli — che comprende due incisivi pezzi narrativi — del Premio Nobel Ivan Alekseevič Bunin è, in realtà, un assaggio di Il signore di San Francisco, collected di racconti dal 1911 al 1919 in cui l'autore, con uno stile campagnolo e turgeneviano, affila l'inesorabile realismo dei microcosmi della società e delle periferie russe d'inizio secolo.

Verrà il lupetto grigio è un ritratto di Jurij Norštejn a opera del giovane e frizzante Brian Phillips, esordiente in Italia. Lo scrittore americano fotografa il grande regista nella laboriosa fase di composizione del capolavoro dei suoi film d'animazione, Il riccio nella nebbia.

Nel '48 Carlo Emilio Gadda è alle prese con la stesura del soggetto di un film: un film, per la precisione, teso a ricalcare la storia di Quer pasticciaccio brutto de via Merulana, all'epoca ancora lungi dall'essere ultimato. L'Ingegnere sforna prima Il palazzo degli ori e poi — a seguito dell'insoddisfazione della casa cinematografica Lux sommersa dalla fluviale proposta — La casa dei ricchi, forse il titolo più pregiato dei «Microgrammi», che viene qui presentato per la prima volta. Come si sa, la letteratura si deve adattare al cinema e Gadda, in ristrettezze economiche, non si schermisce di spoilerare alla bell'e meglio l'assassino con dieci anni d'avance sul romanzo. Anzi, fa di più: dà consigli di inquadrature, propone improbabili colpi registici («In primo piano tra le gambe e le scarpe dei passanti — fotogrammi non oltre i ginocchi dei passanti. Due misteriose, paurose mani afferrano la bestiola»), stila un simpaticissimo Indice dei momenti visivi.
Last but not least, due schegge tenebrose della fantasmagorica Shirley Jackson in Pomeriggio d'estate, tratte dal volume di inediti La luna di miele della signora Smith. Maestra della coscienza multipla e dissociata, la Jackson ci trasporta nella dura dimensione del disagio sociale, conscia che «non è possibile camminare più in fretta che si può e allo stesso tempo prendersi a calci da soli».

V. S. Naipaul, Dolore, traduzione di Matteo Codignola, Adelphi, pp. 32, € 1,99.
Georges Simenon, Un delitto in Gabon, traduzione di Marina Di Leo, Adelphi, pp. 75, € 1,99.
Ivan Bunin, Fratelli, traduzione di Claudia Zonghetti, Adelphi, pp. 56, € 1,99.
Brian Phillips, Verrà il lupetto grigio, traduzione di Francesco Pacifico, Adelphi, pp. 33, € 1,99.
Carlo Emilio Gadda, La casa dei ricchi, a cura di Giorgio Pinotti, Adelphi, pp. 49, € 1,99.
Shirley Jackson, Pomeriggio d'estate, traduzione di Simona Vinci, Adelphi, pp. 28, € 1,99.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti