quarta sponda

Migranti, in Libia trafficanti con falso logo Onu. La denuncia Unhcr

di Redazione Online

Libia nel caos, le fazioni in campo


2' di lettura

Trafficanti di uomini in azione in Libia camuffati da operatori delle Nazioni Unite e colpevoli di abusi e violenze su migranti intercettati al loro arrivo nel paese. L’allarme per l’utilizzo criminale di falsi logo Unhcr arriva dall'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, che denuncia in una nota le «atrocità indicibili» commesse negli ultimi giorni contro i rifugiati e i richiedenti asilo. Secondo alcuni rapporti ritenuti affidabili le organizzazioni criminali dedite al traffico di uomini starebbero operando in Libia ibica spacciandosi per personale delle Nazioni Unite: diversi affiliati sarebbero stati avvistati in particolare nei punti di sbarco e nei centri del traffico di esseri umani con indosso giubbotti e altri oggetti con loghi simili a quelli dell'Unhcr.

Migranti, "Nei campi libici ho visto l'inferno, mai più"

Migranti in fuga dal centro dai detenzione di Tripoli
Nella nota, l’Unhcr segnala anche il «drastico deterioramento» della situazione nelle strade di Tripoli, teatro di pesanti scontri tra le diverse fazioni in lotta per il controllo della città. Molti di loro erano trattenuti in aree vicine agli scontri divenute obiettivo dei razzi, e in migliaia sono fuggiti dai centri di detenzione nel disperato tentativo di salvare le proprie vite. Molti rifugiati contattati dall'Agenzia riferiscono di essere stati venduti ai trafficanti in Libia e di essere stati abusati e torturati, anche dopo essere stati intercettati in mare.

Puntare sulle misure alternative alla detenzione
Una volta riportati a terra, le autorità libiche li trasportano in centri di detenzione gestiti dalla Direzione per la lotta alla migrazione illegale (sotto la competenza del ministero degli Interni libico). L'Unhcr chiede con fermezza che vengano messe in atto alternative alla detenzione, compreso l'uso immediato della struttura di raccolta e partenza a Tripoli, che fungerà da piattaforma per raggiungere la sicurezza in paesi terzi e che sarà gestita dal ministero degli Interni libico e dall'Agenzia. La struttura ha la capacità di ospitare 1.000 rifugiati vulnerabili e richiedenti asilo ed è pronta per l'uso.

Libia, l'ambasciatore Perrone visita un centro migranti a Tripoli

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti