Il caso alla giunta

Migranti: Renzi e l’autorizzazione a procedere su Salvini

Si incardina il procedimento alla giunta del Senato per il caso della nave Gregoretti. L’istruzione durerà circa 30 giorni, entro 60 sarà discussa in Aula. Occhi puntati sul leader di Italia Viva, che per un caso analogo - la nave Diciotti - era favorevole al processo per Salvini

Governo, Salvini a Conte: ora comitato di salvezza nazionale

Si incardina il procedimento alla giunta del Senato per il caso della nave Gregoretti. L’istruzione durerà circa 30 giorni, entro 60 sarà discussa in Aula. Occhi puntati sul leader di Italia Viva, che per un caso analogo - la nave Diciotti - era favorevole al processo per Salvini


3' di lettura

Si incardina oggi, 19 dicembre, la richiesta di autorizzazione a procedere avanzata nei confronti dell’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini per il caso della nave Gregoretti. Un procedimento nato dall’istanza del Tribunale dei Ministri di Catania che durerà 30 giorni e sarà poi discusso in aula al Senato entro 60 giorni. E già si fa la conta dei possibili voti che potrebbero incrinare la posizione del leader della Lega. Da notare che tra i 23 componenti dell’organismo, uno, Francesco Urraro, è passato di recente dal M5S alla Lega. La maggioranza giallorossa così ha 11 membri nella Giunta, l’opposizione di centrodestra 10 - compreso il presidente -, due infine appartengono al Misto e alle autonomie.

L'Onu lancia allarme Libia. Conte: "Italia in prima linea"

La posizione di Renzi
Occhi puntati su Matteo Renzi, soprattutto dopo il suo discorso al Senato, seguito all’inchiesta della Procura della Repubblica di Firenze sul caso Open. Non è escluso che il fondatore di Italia Viva possa avere una posizione “garantista”. Un aspetto che potrebbe confermare quel filo che lega i due Matteo, che secondo i ben informati avrebbero in corso un dialogo. Di fatto sarebbe una novità, anche perché per una vicenda speculare alla nave Gregoretti - il caso della Diciotti - Renzi dichiarò: «Voterò a favore della richiesta del Tribunale dei Ministri di Catania che accusa Matteo Salvini di sequestro di persona aggravato per i fatti della nave Diciotti». Una vicenda, quella della Diciotti, che si risolse con una nulla di fatto.

La richiesta di archiviazione della Procura
Ora si dovrà valutare queste nuove accuse, tenendo presente che comunque la Procura di Catania parallelamente all’invio degli atti al Tribunale dei Ministri aveva formalizzato anche una richiesta di archiviazione. «L’attesa di tre giorni per uno sbarco non può considerarsi una illegittima privazione della “libertà” dei migranti, visto che le limitazioni sono proseguite poi nell’hot spot di Pozzallo e nei centri di accoglienza e manca un obbligo per lo Stato di uno sbarco immediato».

L’accusa del Tribunale dei Ministri
Ma cosa sarebbe successo esattamente? Secondo l’accusa «abusando dei poteri» da ministro dell’Interno avrebbe «privato della libertà personale i 131 Migranti bloccati a bordo di nave Gregoretti Guardia Costiera italiana dalle 00:35 del 27 luglio 2019 fino al pomeriggio del 31 luglio» successivo, quando è giunta l'autorizzazione allo sbarco nel porto di Augusta, nel Siracusano. Lo stesso Salvini è intervenuto sulla vicenda: «Il fatto che io rischi 15 anni di carcere per aver difeso i confini del mio Paese sulla scorta di accordi internazionali - commenta - mi fa dire che in Italia c’è un problema. Io ringrazio la maggioranza della magistratura che è obiettiva, corretta ed indipendente. Ma c’è una parte che fa politica e butta soldi. Sono curioso di vedere che posizione terrà il M5s che sulla vicenda analoga di nave Diciotti votò contro l’autorizzazione a procedere».

I 5stelle per l’autorizzazione
La risposta non s’è fatta attendere: «Qui non si tratta di fare o no un favore a qualcuno – chiarisce il ministro degli Esteri Di Maio, all’epoca dei fatti vice premier - noi a gennaio o febbraio di quest’anno saremo chiamati a riconoscere l’interesse pubblico prevalente a bloccare una nave: ma stiamo parlando di una nave bloccata a luglio quando gli altri paesi europei che venivano chiamati si offrivano per la redistribuzione dei Migranti». M5S, dunque, annuncia che voterà a favore dell'autorizzazione a procedere, al contrario di quanto fece con il caso Diciotti, quando era al governo con la Lega.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti