il leader della lega a milano

Salvini: «Referendum per legge elettorale maggioritaria»

Il leader a Milano per incontrare gli amministratori del Carroccio: «Porti sicuri? Sono matti, questa è la resa» . La Lega «è il primo partito italiano, indegno essere esclusi da tutte le discussioni in Italia e in Europa»


default onloading pic
Salvini all’incontro con gli amministratori della Lega insieme con il presidente del Veneto, Luca Zaia, e della Lombardia, Attilio Fontan (Ansa)

2' di lettura

«Se cinque regioni lo approvano entro settembre si va al referendum in primavera». Il segretario della Lega Matteo Salvini all'assemblea degli amministratori del Carroccio ha così proposto un referendum per cambiare la legge elettorale e renderla «totalmente maggioritaria», abrogando la parte proporzionale. «Casualmente il quesito è pronto» ha aggiunto. «Voglio un Paese dove chi vince le elezioni governa per cinque anni - ha spiegato - e questo è il messaggio che arriva dai sindaci e dai governatori di oggi». «Come per i governatori - ha concluso - chi prende un voto in più governa. Ed è l'esatto contrario di quello che vogliono fare Pd e 5stelle».

Salvini ai sindaci: dite no a prendere rifugiati
Dal palco Salvini ha chiesto poi ai sindaci di chiudere le porte quando dalle prefetture arriveranno richieste di ospitare rifugiati. «Da voi - ha detto - mi aspetto un rispettoso no. Noi non ci siamo, prima vengono i cittadini italiani». L’invito arriva nel giorno in cui «dopo 14 mesi per la prima volta torna in un porto italiano, senza che il governo dica nulla, la nave di una ong», ha avvertito Salvini.

«Questi sono matti». Così Salvini ha commentato l’arrivo a Lampedusa della Ocean Viking con 82 migranti a bordo . «Questa è la resa. Fra le promesse di Conte all'Europa c'era anche questa», ha aggiunto, convinto che si voglia fare dell'Italia «un campo profughi». Le quote di migranti che Francia e Germania sono disposti ad accogliere sono solo di quelli che hanno diritto d'asilo «che sono il 20%». «Noi - ha continuato Salvini - siamo qui con i nostri amministratori per preparare il no».

«Siamo il primo partito italiano»
«La Lega è ampiamente il primo partito e che il primo partito italiano sia escluso da tutte le discussioni in Italia e in Europa è indegno» ha detto poi Salvini arrivando alla riunione degli amministratori del Carroccio, dove ha parlato anche di legge elettorale. «Il traditore Conte parla di proporzionale per garantirsi l'inciucio a vita - ha detto rispondendo a una domanda dei cronisti -, i l maggioritario significa che vincono gli elettori».

«Renzi primo oppositore Contebis»
«Scommetto che il primo oppositore al Governo Conte-Monti sarà Renzi», ha detto Salvini, sono «logiche di poltrone, non mi appartengono». E ha aggiunto che «bisogna preparare un’opposizione costruttiva a un governo che parte malissimo». Sulla presenza di ministri del Nord nell’esecutivo Contebis, aggiunge che il problema non è la provenienza da Nord o Sud ma che prevale «l’incompetenza». «Questo - spiega - è il governo più centralista e statalista dal dopoguerra».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...