Sport

Milan, Weah nuovo presidente della Liberia

a cura di Datasport


2' di lettura

Adesso è ufficiale. George Weah ha vinto le elezioni presidenziali in Liberia, paese in cui è nato e da dove è partito grazie alla sua passione e abilità con il pallone per il viaggio verso l'Europa.  L'ex campione del Milan, secondo il conteggio ufficiale delle schede, ha ottenuto il 61,5% dei voti, battendo così lo sfidante Joseph Boakai, finora vice presidente, nel ballotaggio dopo il primo turno di voti che aveva visto sempre Weah in testa ma senza arrivare alla maggioranza. L'avvicendamento con la attuale presidente Ellen Johnson Sirleaf, Premio Nobel per la Pace nel 2011, è in programma per il 22 gennaio. Si tratterà della prima transizione democratica fra due presidenti eletti nel Paese dal 1944.     Weah a 51 anni, dopo la storica vittoria nel 1995 dell'unico Pallone d'Oro africano conquista un altro grande successo della sua vita. Non è stupito della vittoria del suo ex compagno di squadra Demetrio Albertini che in un'intervista alla Stampa ha dichiarato: "Weah aveva doti da leader anche in campo. La sua personalità era già molto delineata. Per me fare politica significa donarsi, e lui in questo senso era molto predisposto. Si è sempre impegnato per il suo popolo, per i suoi `fratelli´ più sfortunati".    Weah, che ha un figlio che gioca nelle giovanile del Psg, si era già candidato alla presidenza: "La prima volta lo fece soprattutto con il cuore ma negli anni ha studiato per diventare presidente. Perché anche la politica si studia", osserva Albertini. L'ex compagno di squadra augura al suo amico di aiutare la Liberia a trovare stabilità: "È il suo sogno e il suo obiettivo, e lo sport ti allena a superare le divisioni proprio per raggiungere obiettivi comuni".

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...