Residenziale

Milano, Arrivabene 14, il quartiere «carbon neutral» di Borio Mangiarotti a Bovisa

La conclusione dei lavori e la consegna degli appartamenti - la cui commercializzazione è appena partita - sono previste per la fine del 2023.

di Laura Cavestri

2' di lettura

Parte il cantiere di Arrivabene 14, il nuovo progetto di sviluppo residenziale che, con un investimento di circa 14 milioni di euro, Borio Mangiarotti sta realizzando in un'area di circa 2.800 mq fra via Arrivabene e via Del Bon, nel cuore di Bovisa: un quartiere vitale e vivace, protagonista di un processo di rigenerazione urbana e comodamente connesso con il centro di Milano. Si tratta del primo cantiere che Borio Mangiarotti sperimenterà in “Carbon Neutrality”, ovvero a impatto netto di CO2 pari a zero, utilizzando energia proveniente esclusivamente da fonti rinnovabili e sostenendo progetti di compensazione della CO2, con ricadute positive sulla città.

Il progetto

PA Architettura, autore del progetto, ha previsto la demolizione di due edifici preesistenti a destinazione artigianale e residenziale (già realizzata), per lasciare spazio a un complesso residenziale di 44 appartamenti, con tagli che vanno dal mono al quadrilocale, in due edifici di 5 piani ciascuno. Il piano terra è destinato ad ospitare i servizi comuni (locale biciclette e passeggini, area lounge, area delivery, oltre alla portineria), mentre al piano interrato sono previsti 44 box e cantine. Caratterizzate dal contrasto fra pieni e vuoti, luci e ombre, evidente anche nella scelta dei materiali impiegati, le facciate lineari degli edifici si inseriscono armoniosamente nel tessuto urbano circostante, grazie anche ai colori predominanti scelti per l’intervento: il beige, il marrone e il grigio.

Loading...

Grandi logge, vere e proprie stanze aperte sul verde, si affacciano sul giardino privato di 1.600 mq situato nella corte interna e delimitato dai muri perimetrali rivestiti di edera; il percorso pedonale, costeggiato da piccole zone con piante e arbusti, è stato pensato come un vero e proprio “sentiero nel verde”.

I nuovi edifici nZEB (Near Zero Energy Building), in classe A, disporranno di un impianto fotovoltaico collegato alla rete condominiale; tutti gli appartamenti, oltre ad essere predisposti per l'installazione di un impianto autonomo di ventilazione meccanica controllata per il corretto ricambio dell'aria, saranno dotati di un sistema di fan coil a basso consumo canalizzati per il condizionamento estivo e di pannelli radianti a pavimento per il riscaldamento invernale.
La conclusione dei lavori e la consegna degli appartamenti – la cui commercializzazione è appena partita – sono previste per la fine del 2023.ù

«Arrivabene 14 è uno degli esempi più recenti della nostra filosofia progettuale: realizzare residenze che rispondano ai bisogni delle persone, in zone di Milano protagoniste di una nuova fase di sviluppo – ha dichiarato Edoardo De Albertis, ceo di Borio Mangiarotti –. Con questo intervento residenziale continuiamo a puntare sugli aspetti di sostenibilità ambientale e sociale, sempre più elementi chiave del nuovo modo di abitare».

La Fondazione

Tramite il Fondo Fondazione Claudio De Albertis, Borio Mangiarotti ha deciso di sostenere Playground Stelvio. L’iniziativa, promossa dall’associazione Slums Dunk, ha riqualificato lo storico campetto da basket nei giardini di viale Stelvio a Milano: uno spazio di attrazione e di aggregazione, destinato non solo ad attività sportive ma anche ad iniziative di animazione culturale e sociale promosse dall'associazione che, fondata dai cestisti Bruno Cerella e Tommaso Marino, realizza Basketball Academy nelle periferie di alcune delle baraccopoli più degradate del mondo e che ha già coinvolto con le sue attività oltre 5mila ragazzi e ragazze under 18.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati