ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùGrandi eventi

Milano-Cortina 2026, il Cio affida ticket e ospitalità alla società americana On Location

On Location, che fa capo a Endeavor Group Holdings, sarà il fornitore ufficiale di ospitalità anche per le Olimpiadi di Parigi 2024 e Los Angeles 2028

di Marcello Frisone

(Getty Images)

3' di lettura

Prende forma il turismo legato anche ai giochi olimpici invernali di Milano-Cortina 2026. I fan stranieri che vorranno venire in Italia potranno rivolgersi all’azienda americana On Location per vivere non soltanto gli eventi sportivi che si terranno tra 5 anni, ma anche il meglio che offrono le altre città del Bel Paese. È uno dei riflessi “italici” dell’accordo annunciato il 2 giugno tra il Comitato olimpico internazionale (Cio), il Comitato Paralimpico Internazionale, i comitati organizzatori (Parigi, Milano-Cortina e Los Angeles) e la società Usa leader nell'ospitalità esperienziale che fa capo a Endeavor Group Holdings.

Cosa prevede l’accordo

On Location sarà il fornitore ufficiale di ospitalità per 3 Olimpiadi: Parigi 2024, Milano-Cortina 2026 (invernali) e Los Angeles 2028. I fan e gli stakeholder che vorranno seguire i propri beniamini olimpici (e una volta giunti nel Paese visitare, perché no, anche altre città) avranno accesso a esperienze uniche, ticket inclusive, di viaggio e ospitalità attraverso dunque un fornitore esclusivo per tutti i territori. L’ospitalità comprenderà pacchetti comprensivi di biglietti per gli ingressi alle sedi di gara, viaggi, pernottamenti e accoglienza presso le città che ospiteranno i giochi. Il nuovo modello dovrebbe migliorare anche i servizi per le famiglie e gli amici degli atleti che saranno protagonisti durante i Giochi, con assistenza per il viaggio, pernottamenti e altri servizi, tra cui una serie di biglietti dedicati e loro riservati.

Loading...

I numeri di On Location

La soluzione chiavi in mano di lungo periodo è stata affidata a un'azienda che già fornisce pacchetti di ospitalità costituiti da biglietto, sistemazione alberghiera e trasporti anche per il Super Bowl, il basket universitario della Ncaa Final Four e la New York Fashion Week, oltre a più di 150 franchising iconici, come Nfl, Ufc e Pga, in aggiunta a numerosi artisti e festival musicali. Una realtà con numeri importanti: 500 milioni di biglietti staccati all'anno per i diversi eventi, 2,5 milioni di pernottamenti, 10 milioni di ospiti gestiti all'interno del perimetro dell'impianto sportivo, 450mila passeggeri.

Da Img, a Miss Universo e Ufc

On Location fa capo a Endeavor Group Holdings, il gruppo americano nato nel 2009 con l'espansione della talent agency William Morris al settore dell'intrattenimento e dell'ospitalità sportiva. Ha nel suo perimetro il colosso Img, player globale nel management sportivo e dello spettacolo, Miss Universo, Ufc (il brand globale nelle arti marziali miste) ed E-League (e-sport). Il gruppo è approdato a fine aprile 2021 al Nyse (il precedente tentativo di quotarsi in Borsa era fallito nell’ottobre del 2019 su pressioni degli investitori) con una Ipo da 511 milioni di dollari, 1,8 miliardi di private placement e una capitalizzazione di 10,6 miliardi di dollari. Tra i suoi azionisti, figura Silver Lake, un fondo di private equity della Silicon Valley.

Giochi olimpici sostenibili

Un filo comune lega l’organizzazione dei giochi olimpici: la sostenibilità economica. Ed è per questo che particolarmente soddisfatto dell’accordo è il presidente del Cio Thomas Bach che, fin dall'inizio del suo mandato, ha continuato a spingere l'acceleratore sul tema della sostenibilità economica dei giochi olimpici. Raggiunto l'obiettivo di centralizzare la gestione dell'ospitalità Olimpica e Paralimpica, adesso Bach si aspetta un migliore controllo dei costi e un trasferimento più efficiente del know how tra le diverse edizioni dei giochi grazie a un fornitore unico.
Sulla stessa lunghezza d'onda Il Presidente di Milano-Cortina 2026, Giovanni Malagò, che non ha mancato di rimarcare come l'accordo con On Location abbia generato «un importante flusso di entrate che aiuterà Milano-Cortina 2026 a offrire giochi entusiasmanti e sostenibili».
Durante le trattative è intervenuto anche l'amministratore delegato di Milano-Cortina, Vincenzo Novari, che ha insistito per una struttura contrattuale che in ogni caso assicurasse un flavour italiano ai contenuti dell'offerta di ospitalità per l'edizione di Milano Cortina dei Giochi, sia a livello di subfornitori sia attraverso la costruzione congiunta dei pacchetti, in modo da consentire alla Fondazione di promuovere il turismo nelle regioni Olimpiche e nel resto del Paese.
Una sfida globale, quella di On Location, che non spaventa Paul Caine, una vita nell'editoria con Bloomberg e adesso presidente della società con base a New York, che promette «di fornire ai clienti esperienze memorabili attraverso pacchetti di ospitalità esclusivi per celebrare in modo unico ciascuna città ospitante».
A pochi giorni dall'inizio delle Olimpiadi di Tokyo, le più travagliate della storia, è una scommessa che richiede una buona dose di coraggio.

Riproduzione riservata ©

  • Marcello FrisoneRedattore

    Luogo: Milano

    Lingue parlate: Italiano, inglese, francese

    Argomenti: Sport-Risparmio-Finanza-Norme-Tributi

    Premi: 31 marzo 2017 - Menzione d'eccellenza giornalista economico al premio Loy, banking and finance award

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti