ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùAppuntamenti

Milano Wine Week, la festa dei calici punta su giovani e digitale

In programma dall'8 al 16 ottobre, la kermesse anima i quartieri della città con centinaia di eventi diffusi: business, talk per appassionati e degustazioni.

di Barbara Sgarzi

Un'immagine della scorsa edizione della Milano Wine Week.

2' di lettura

Diffusa, tecnologica, per tutti: adatta sia al degustatore tecnico ed esperto, che inseguirà le masterclass specializzate, che al wine lover desideroso di passare un weekend tra i quartieri di Milano con un calice in mano. Torna la Milano Wine Week dall'8 al 16 ottobre, e lo fa con centinaia di eventi, anche internazionali, tra degustazioni in contemporanea con New York, Chicago, Dallas e Miami, Londra e Shanghai, Hong Kong e Bangkok.

L'esterno di Palazzo Bovara dove avranno sede le masterclass e le tavole rotonde business.

La vera novità, però, è una suddivisione tra gli incontri. Da un lato le masterclass e le tavole rotonde business, che avranno la loro sede a Palazzo Bovara, dall'altro le proposte dedicate agli amanti del vino, concentrate nel vicino Palazzo Serbelloni, che ospita un'ampia wine court con enoteca, wine bar, Tavole del vignaiolo per parlare con i produttori e spazio per l'entertainment.

Loading...

L'offerta per i wine lover si declina in tutta la città, nei sei Wine District legati ad altrettanti consorzi: Asti Docg in Corso Sempione, Lugana Doc a Brera, Consorzio Medways (Campania) a Porta Venezia, Chianti Doc sui Navigli e Oltrepò Pavese in zona Plinio-Eustachi. L'idea è quella di coinvolgere Milano in una festa dei calici, offrire uno spazio e un palcoscenico internazionale agli operatori e parlare ai giovani; a oggi, infatti, solo il 45% dei giovani che consumano alcolici scelgono il vino. “Serve una diversa narrazione, un linguaggio inedito, più in sintonia con le nuove generazioni. Anche per questo il team della Milano Wine Week ha un'età media di poco superiore ai trent'anni ed è cresciuto con la manifestazione, che quest'anno è alla sua quinta edizione”, spiega l'ideatore Federico Gordini.

E per questo la MWW ha un'anima tecnologica, con una piattaforma digitale B2B, la Digital Wine Week , che permette di seguire i contenuti della manifestazione in streaming oppure on demand, e una nuova App per i consumatori, W, per programmare l'esperienza e scegliere il ristorante per la cena in base alla carta dei vini che propone. Proprio le carte dei vini del fine dining milanese saranno protagoniste dell'evento più esclusivo della manifestazione, Top Wine Hundred a Palazzo Serbelloni il 16 ottobre, per la domenica di chiusura.

La cartina di Milano con la divisione in distretti.

“Milano non produce vino, ma è la città dell'alta ristorazione e delle carte dei vini eccellenti. Per questo esalteremo il lavoro dei grandi sommelier che le creano e le rinnovano costantemente nei grandi ristoranti della città”, spiega Gordini. Saranno venti i top sommelier che proporranno in degustazione per la serata da tre a cinque etichette della loro carta, per un tasting stellare.

Milano Wine Week, 8-16 ottobre

Programma e prenotazione Masterclass ed eventi su https://milanowineweek.com

Riproduzione riservata ©

loading...

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti