DOPO IL NO DI DRAGHI E CONFINDUSTRIA

Minibot, Giorgetti: è una soluzione per i pagamenti. Salvini: piacciono agli italiani

di Al.Tr.


default onloading pic
Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti (Ansa)

2' di lettura

«Tutte le soluzioni nuove sono contestate, non dico che siano la Bibbia, ma sono una proposta per accelerare i pagamenti, una delle possibilità, una delle soluzioni: ma la strada maestra è quella della crescita». Lo ha detto il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti, a proposito della proposta di istituire i minibot. L’idea (della Lega) di emettere titoli di Stato di piccolo taglio - con cui la Pa può far fronte ai suoi debiti commerciali con le aziende - è contenuta in una mozione approvata nelle scorse settimane con un voto bipartisan alla Camera.

Dopo la bocciatura del presidente Bce Draghi e dell’agenzia di rating Moody’s - che la considera un primo passo verso l’uscita dall’euro - la proposta dei minibot incassa anche il “no” di Confindustria, con il presidente Vincenzo Boccia che precisa: «Sui minibot siamo in linea con Draghi, perché significa debito pubblico». Non tarda ad arrivare la risposta di Matteo Salvini: «Boccia dice no ai minibot? A me piace quello che piace agli italiani», ha detto il vicepremier leghista.

Dal loro 49esimo convegno a Rapallo anche i Giovani di Confindustria bocciano l’idea, con il presidente Alessio Rossi che commenta: «Pensare che il problema del debito pubblico sia risolvibile con i minibot è come provarci con i soldi del Monopoli». Ma Salvini nega che si tratti di una moneta alternativa, «le monete alternative le usiamo al Monopoli», dice. Ma aggiunge: ««Però qua c’è emergenza di pagare i debiti della pubblica amministrazione nei confronti di famiglie e imprenditori. Sono decine di miliardi di euro che già sono debito dello Stato, quindi in che forma restituirli è tutto da valutare e ci stiamo ragionando».

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...