COVID

Ministero della Salute: monitorare l’efficacia dei tamponi rapidi sulle varianti

In una circolare si invita a sottoporre i campioni positivi a conferma con un test molecolare per eliminare la possibilità di risultati falsi positivi

Controlli e tamponi al Brennero? 40 Km di coda in A22

2' di lettura

Le varianti del coronavirus ormai diffuse su tutto il territorio nazionale devono indurre a monitorare con attenzione l’efficacia dei test. È quanto richiamato dal ministero della Salute in una circolare di aggiornamento sull’uso dei test antigenici e molecolari per la rilevazione di Sars-Cov-2.

Conferme per evitare falsi positivi

Per gli esperti del ministero occorre «monitorare l’efficacia dei test antigenici, i cosiddetti tamponi rapidi ormai di larghissimo utilizzo, nel rilevare l’infezione da Covid con le nuove varianti virali». «Alla luce dei risultati disponibili nella letteratura scientifica appare chiaro che, pur considerando l’elevata specificità dei test antigenici, i campioni positivi a tali test in contesti a bassa prevalenza necessitano di conferma con un test molecolare o, in caso di mancata disponibilità di tali test molecolari, con un test antigenico differente, per eliminare la possibilità di risultati falsi positivi», avvertono gli esperti del ministero.

Loading...

«Data la sensibilità analitica non ottimale di diversi test antigenici attualmente disponibili, è consigliabile confermare la negatività di test antigenici eseguiti su pazienti sintomatici o con link epidemiologico con casi confermati di Covid-19 - rimarcano gli esperti -. Questa necessità è rafforzata dalla possibile circolazione di varianti virali con mutazioni a carico della proteina N, che è il principale antigene target utilizzato in questo tipo di test».

«Si ribadisce comunque che, in caso di mancata pronta disponibilità di test molecolari, o in condizioni d'urgenza determinate dalla necessità di prendere decisioni di sanità pubblica in tempi rapidi, si può ricorrere - precisa la circolare - per la conferma a test antigenici, quali appunto i test antigenici non rapidi (di laboratorio), i test antigenici rapidi con lettura in fluorescenza e quelli basati su microfluidica con lettura in fluorescenza, che rispondano alle caratteristiche di sensibilità e specificità minime sopra indicate (sensibilità maggiore dell'80% e specificità sopra il 97%, con un requisito di sensibilità più stringente (sopra il 90%) in contesti a bassa incidenza).


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti