il giornalista condannato per peculato

Minzolini si dimette dal Senato: «Sono persona seria»

(LaPresse)

2' di lettura

Dopo averle annunciate, il giornalista Augusto Minzolini ha presentato ufficialmente a palazzo Madama la sua lettera dimissioni da senatore. «Oggi mi sono dimesso. Sono andato stamattina e ho presentato la lettera. Perché sono una persona seria e non prendo lezioni da altri. La lettera l'ho presentata alla Presidenza del Senato», ha spiegato il senatore di Forza Italia intervistato a “L'aria che tira” (La7). Ora le sue dimissioni dovranno essere accettate o meno (con votazione segreta) dall'Assemblea di Palazzo Madama.

La promessa in Aula di lasciare il Senato
La promessa di lasciare comunque il Senato era stata fatta da Minzolini pochi giorni fa nel corso del dibattito precedente il voto dell'Aula di palazzo Madama che a metà marzo annullò il parere favorevole della Giunta sulla revoca del suo mandato in seguito ad una condanna, così come prevede la legge legge 190/2012 “Severino” («Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità nella pubblica amministrazione»).

Loading...

Pena sospesa con affidamento ai servizi sociali
La condanna definitiva di Minzolini, nel novembre 2015, a 2 anni e 6 mesi per peculato (per indebito utilizzo della carta di credito aziendale quando era direttore del Tg 1 Rai) è attualmente sospesa (perchè inferiore ai tre anni), con l’affidamento ai servizi sociali invece del carcere, la cui richiesta è da oggi all’attenzione del tribunale di sorveglianza di Roma. A seguire dovrebbe scattare la pena accessoria della interdizione temporanea dai pubblici uffici (per due anni e sei mesi), ipotesi contestata dalla difesa di Minzolini che la considera già operante dal momento della condanna definitiva. «Quello che ho fatto l'ho fatto per coerenza. Mi sono dimesso oggi perché l'ho voluto io e non perché me lo hanno chiesto altri. Adesso voglio tornare a fare il giornalista», ha spiegato il giornalista poco prima dell’udienza del tribunale di sorveglianaza capitolino che tratterà la sua richiesta di scontare la condanna presso la Comunità di Sant'Egidio.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti