La sfilata a Londra

Mito e status symbol della ribellione secondo Dior Homme

Per la collezione Fall 2022 di Dior Men, presentata con uno show in presenza a Londra, il direttore creativo Kim Jones guarda a “Sulla strada” di Jack Kerouac

di Angelo Flaccavento

(Photo by Vianney Le Caer/Invision/AP)

2' di lettura

Quando la moda mainstream ci mette gli occhi, e questo succede sistematicamente ogni volta, sottoculture e subculture perdono invariabilmente le asperità abrasive, lo spirito underground, la carica eversiva. Ciò che per definizione va contro, del resto, mal si concilia con status symbol e lussi, di qualsiasi natura essi siano, e la ribellione, se acquistabile in boutique, muta in posa - e non è detto che non lo sia comunque. Però caricare gli abiti, inani o splendidi, di significati altri, appunto controculturali, li rende assai desiderabili, per il semplice motivo che li fa giovani. È entro i venti che si vuol cambiare il mondo, e come dicevano gli hippie «non ti fidare di nessuno sopra i trenta».

La passerella è lo scritto di “Sulla Strada”

Oggi più che mai, poi, la giovinezza è IL valore. Per la collezione Fall 2022 di Dior Men, presentata ieri sera con uno show in presenza a Londra, il direttore creativo Kim Jones, paladino di una imperitura gioventude, alfiere del cool a cinque stelle, guarda a Jack Kerouac e al suo Sulla strada, flusso di coscienza in forma di libro che ha convertito al beat svariate generazioni di lettori. La passerella stessa è un gigantesco dattiloscritto dell'opera, sul quale scorre una collezione totalmente Dior, ovvero priva delle collaborazioni nelle quali Jones eccelle, e con le quali ha creato una delle modalità di design-marketing oggi piú diffuse.

Loading...

Kim Jones al termine della sfilata (Photo by Vianney Le Caer/Invision/AP)

Lo spirito ribelle di Dior Homme

Lo spirito ribelle di Dior Homme

Photogallery17 foto

Visualizza

Una collezione come flusso di coscienza

Lo storytelling di prassi, a latere dello show, è tutto un cercar connessioni tra Kerouac e Monsieur Dior - il comune amore per la gioventù, Sulla strada pubblicato nel 1957, anno della scomparsa di Dior - ma è esercizio forzato, nemmeno tanto convincente. Convince invece la scelta del beatnik, che poi è una sottocultura americana molto en plein air, perché suggerisce uno stile di vita libero, senza regole, esperito a contatto, sovente, con la natura e gli elementi. La collezione è un flusso di coscienza, ossia un coacervo di disparati elementi, nel quale spiccano le giacche cardigan di lana double, i grossi maglioni aran, i jeans, gli shorts con gli scarponi da hiking, ma anche le cravatte sottili e i cappottini di papà. Molto prodotto, a conti fatti, di gran livello e servito in modo appetibile, se non proprio travolgente. La ribellione, però, è mero racconto, sempre che oggi la ribellione sia ancora possibile, nel modo di vestire e non solo.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti