IL RIASSETTO

Mitsubishi non lascia l'Europa, ma ridurrrà l’offerta di modelli

Membro dell'Alleanza con Renault e parte integrante del Gruppo Nissan l'altro brand giapponese si concentrerà sulle vendite dell'Outlander, il leader nel vecchio continente fra i suv-crossover plug-in hybrid.

di Corrado Canali

default onloading pic

Membro dell'Alleanza con Renault e parte integrante del Gruppo Nissan l'altro brand giapponese si concentrerà sulle vendite dell'Outlander, il leader nel vecchio continente fra i suv-crossover plug-in hybrid.


2' di lettura

Mitsubishi dovrebbe varare a breve un piano per ridurre i costi dopo la crisi causata dalla pandemia di coronavirus. L'Europa è uno dei grandi mercati in cui sia pure gradualmente Mitsubishi ridurrà la sua presenza soprattutto per numero di modelli venduti. Ma non solo. Nell'ultimo esercizio finanziario i costi lo sviluppo in Europa e in Cina sono aumentati del 30% ma non avrebbero generato nessun tipo di profitto.

Come anticipato dai piani presentati dall'Alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi che dovrà concentrare in futuro sforzi e investimenti nelle regioni del Sud Est Asiatico. Il costruttore giapponese, dunque, attiverà un piano di razionalizzazione della gamma e si concentrerà sui pick -up e i minivan. Settori in cui la presenza dei giapponesi è molto forte grazie al modello col cassone L200 e a diversi monovolumi.

In Europa il modello di punta è l'Outlander plug-in hybrid In Europa invece il costruttore giapponese resta un punto di riferimento, in particolare, nel settore delle vetture ibride plug-in: l'anno scorso, infatti, il suv Outlander plug-in hybrid è stata la modello ibrido ricaricabile più venduto con 34.729 immatricolazioni, 42% in più rispetto all'anno nonostante l'aumento dei modelli offerti dalla concorrenza.

Il suv di Mitsubishi continua a essere il modello ibrido plug-in più venduto nei primi quattro mesi del 2020. Numeri tuttavia di nicchia che non hanno consentito al brand giapponese nemmeno di raggiungere una quota di mercato dell'1% con consegne in Europa sotto le 140mila unità e previsioni per quest'anno non rosee per la della pandemia.

Entro fine anno arriverà il nuovo Outlander su base Nissan

La nuova generazione del suv-crossover plug-in anticipata dalla concept Engelberg è stata realizzata sulla piattaforma di Nissan e sarà in vendita anche in Europa probabile quindi che rimanga a listino anche dopo l'intervento di taglio ai modelli.

Lo sviluppo del nuovo modello sta marciando parallelamente a quello della nuova X-Trail e visto che Nissan non ha comunicato ritardi sulla tabella di marcia del suo nuovo suv XL, è possibile aspettarsi l'arrivo della nuova generazione entro la fine del 2020. Non ci sono informazioni tecniche al momento, ma si può presumere che la piattaforma Nissan sia una delle varianti dell'architettura CMF cioè Common Module Family usata dalla stessa Renault. Quanto allo stile il nuovo Outlander si allinea ai più recenti modelli Mitsubishi.

Un nuovo look più moderno e dei materiali di maggiore qualità ll frontale del nuovo Outlander dovrebbe disporre di una nuova griglia oltre che di una forma che strizza l'occhio al mondo dei fuoristrada, ma anche una inedita firma luminosa con fari a Led. Dietro dovrebbero essere presenti uno spoiler e dei nuovi fari a Led. Per quanto riguarda gli interni, sicuramente ci saranno importanti novità a partire dall'utilizzo di materiali che diano una sensazione di più cura.

Non potranno mancare tutte le più recenti innovazioni per quanto riguarda i sistemi di infotaiment, necessari vista la arretratezza dei modelli attuali. Così come saranno disponibili i più noti sistemi di sicurezza alla guida che sul model year 2020 del suv-crossover di Mitsubishi potrebbero essere offerti nella dotazione standard della vettura.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti