Trasporti

Moby e Tirrenia ammesse al concordato: collegamenti navali garantiti

Doppio pronunciamento del tribunale di Milano. Anche la Cin Tirrenia, sempre del gruppo Onorato, a maggio aveva presentato richiesta di concordato in continuità

di Davide Madeddu

Aggiornato il 5 luglio 2021 alle ore 21:39

(Imagoeconomica)

2' di lettura

I collegamenti navali saranno garantiti. E nella vicenda che riguarda le compagnie di navigazione Moby e Tirrenia, entrambe del gruppo Onorato, c'è una schiarita. Il Tribunale di Milano ha dichiarato (con due decreti pubblicati oggi), prima Moby S.p.A. e poi Cin Tirrenia, “ammesse alla procedura concordataria proposta dall'impresa”.
Ad annunciare con due note distinte, una la mattina e una al pomeriggio, i due provvedimenti è la stessa compagnia.

«Moby, dopo aver superato il periodo di emergenza Covid 19 grazie ad un focus sui ricavi e sulla marginalità - scrive il gruppo -, proseguirà in continuità il suo piano industriale e commerciale che ha già ottenuto un grande riconoscimento dal mercato in questo avvio di stagione turistica che conferma per la compagnia numeri in crescita».

Loading...

Al pomeriggio la seconda comunicazione sulla richiesta presentata dalla Tirrenia, compagnia che recentemente aveva presentato le integrazioni alla richiesta di concordato in continuità. E un piano industriale con cui si prevedeva la conferma dei collegamenti, in alcuni casi il potenziamento, e la rinuncia alle compensazioni pubbliche. «Il Tribunale di Milano con decreto pubblicato in data odierna ha dichiarato CIN S.p.A. ammessa alla procedura concordataria proposta dall'impresa - si legge nella nota -. CIN S.p.A. dopo aver superato il periodo di emergenza Covid19, grazie ad un focus sui ricavi e sulla marginalità, proseguirà in continuità il suo piano industriale e commerciale che ha già ottenuto un grande riconoscimento dal mercato in questo avvio di stagione turistica che conferma per la compagnia».

Cauto ottimismo dei sindacati

Due decisioni viste positivamente dai sindacati che mantengono comunque una certa cautela, come chiarisce Arnaldo Boeddu, segretario generale della Filt Sardegna. «In attesa di poter avere la possibilità di leggere l'intero contenuto del decreto, soprattutto verificare se gli istituti di credito accetteranno il piano di rimborso proposto dall'armatore, per il momento guardiamo positivamente questo passaggio». Per il sindacalista, superato lo scoglio rappresentato dalla diverse fasi della procedura, «ci si dovrà necessariamente mettere attorno ad un tavolo in modo da trovare soluzione a tutti gli altri problemi che mettano in sicurezza i livelli occupazionali e di reddito fino ad ora espressi dalla Moby Spa ivi compresi quelli ascrivibili alle aziende satelliti come ad esempio la divisione della rimorchiatori».

Stagione e promozioni

Intanto l'attività del gruppo prosegue e registra una forte crescita, nell'ambito delle prenotazioni, con punte che arrivano all'ottanta per cento. Il gruppo, inoltre, continua con le promozioni e le iniziative che vanno dal cosiddetto “biglietto sospeso” allo sconto del 100 per cento per ogni passeggero accompagnato da un altro pagante. Iniziativa valida con prenotazioni sino al 9 luglio e da effettuare entro il 30 settembre nei collegamenti con Sardegna, Sicilia, Corsica ed Elba.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti