NAUTICA

Moby denuncia fondi di investimento per «diffamazione»

La Moby denuncia alla Procura della Repubblica alcuni fondi di investimento per una presunta «campagna diffamatoria». Il riferimento è alla recente cessione, da parte di Moby, di 2 traghetti alla danese Dfds in cambio di 2 navi più datate.

di R.E.I


default onloading pic

1' di lettura

È guerra in procura tra Vincenzo Onorato, l’armatore e presidente di Moby Spa e alcuni fondi di investimento. Moby Spa – si legge in una nota – ha dato mandato ai propri legali di denunciare alla Procura della Repubblica «i gravi fatti calunniosi contenuti nel ricorso alle procedure concorsuali presentato da alcuni fondi di investimento a carattere speculativo tutti con sede in paradisi fiscali».

La vicenda si riferisce all’azione di alcuni fondi, arrivata dopo la cessione di due navi a Dfds e al contestuale acquisto di altre due unità dall’armatore danese. Moby denuncia questo fatto come «l’ultimo atto di una strategia iniziata con un’ossessiva campagna diffamatoria a mezzo stampa, più volte denunciata a diverse autorità giudiziarie. Moby – conclude la
nota – confida nell’operato della magistratura italiana con serenità in quanto pienamente consapevole della calunniosità del ricorso».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...