ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùVERSO IL PITTI BIMBO

Moda junior, ricavi in calo sotto i tre miliardi. Pesa l’export a -8,8%

Alle difficoltà nei Paesi stranieri si aggiungono quelle sul mercato domestico dominato dalle catene che producono, in larga parte, oltreconfine

di Silvia Pieraccini

Un’immagine dell’edizione di Pitti 95 (PH: Aka studio collective)

2' di lettura

La ripartenza post-Covid non è facile per l’industria italiana della moda junior, che ha chiuso il 2022 con un fatturato in calo del 3,8% sull’anno precedente, a 2.934 milioni di euro secondo le stime di Confindustria Moda.

Il settore in difficoltà tra export in discesa e import a +20% 

Nel 2019, prima della pandemia, i ricavi avevano toccato 3,1 miliardi di euro. Le aziende, tradizionalmente piccole e meno internazionalizzate di quelle che producono per l’adulto (se si escludono i grandi brand che realizzano anche linee da bambino), stanno faticando a trovare sbocchi all’estero (-8,8% l’export 2022, sceso a 1,19 miliardi, con un peso del 40,6% sul fatturato) e stanno faticando anche sul mercato interno, dominato dalle catene che producono, in larga parte, oltreconfine: nell’autunno-inverno scorso, le catene hanno coperto quasi il 47% del mercato junior in Italia (+17% il sell-out). L’import 2022 si è impennato (+20%), mentre il saldo commerciale, da sempre negativo, ha superato per la prima volta -1 miliardo di euro.

Loading...

La scommessa sul rilancio a Pitti

Eppure - nonostante le difficoltà di mercato che si sommano alle difficoltà produttive, dall’approvvigionamento di materie prime ai costi energetici - le aziende italiane scommettono sul rilancio al Pitti Bimbo, la fiera internazionale della moda junior che si apre mercoledì 18 a Firenze (fino al 20 gennaio) e che in questa 96esima edizione presenta le collezioni per l’autunno-inverno 2023-2024 di 230 brand, per il 70% esteri. Monnalisa, unica azienda quotata della moda junior, torna in fiera con una sfilata all’interno della Fortezza da Basso, sede del salone dove esporranno nomi come Miniconf (col marchio Sarabanda e le licenze Ducati e Superga), Dolce & Gabbana, Miss Blumarine, Antony Morato, Freddy, Naturino, Kickers, Rossignol, Fracomina, Mc2 Saint Barth, circondati da tanti marchi di ricerca e di nicchia. Tra il classico e la ricerca, e dunque tra la tradizione e l’innovazione, debutta l’area Smart Kids che presenta i brand che si identificano con parole come urban, streetstyle, high tech, sportswear, outdoor e indoor: una prospettiva vicina al mondo bambino – spiega Pitti – che non ha paura di mixare e di osare.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti