Fashion week

Moda, ritornano gli acquisti: i buyer puntano sull’inverno

Ottimismo tra i responsabili degli acquisti sulla voglia di riprendere lo shopping. Anche in digitale le sfilate hanno risposto alle attese creando eventi interessanti

di Marta Casadei

Moda: -26% in 2020 a 72,5 mld, rallenta discesa in I trim -18,4%

3' di lettura

Un tempo sarebbero stati in coda al gate per salire su un volo per Parigi; oggi, invece, sono stretti tra tante riunioni digitali e qualche appuntamento vis-à-vis. A Milano. Il segnale positivo è che non si sono fermati, anzi: i buyer dei multibrand e dei department store italiani - che vendono in tutto il mondo grazie agli e-store - hanno approcciato le campagne vendite autunno-inverno 2021/22 e le sfilate della Milano fashion week con un atteggiamento positivo e la convinzione che, quando i capi e gli accessori arriveranno nei loro negozi, i clienti avranno recuperato la voglia di vestire bene.

Voglia di “look post lockdown”

Ne è sicura Claudia Gazzelloni, responsabile buyer donna di Luisaviaroma, piattaforma multibrand che nel 2020 si stima abbia registrato circa 200 milioni di ricavi: «Per l’inverno immaginiamo ci sarà voglia di un “look post lockdown”: di tornare a uscire - dice - e scommettiamo anche su una ripresa del segmento matrimoni, con abiti da sposa e da cerimonia». Gazzelloni, che contrariamente agli anni passati non volerà a Parigi per la settimana della moda francese (che si svolgerà in digitale) né per appuntamenti in showroom, ha assistito alle sfilate di Milano in streaming - «un vantaggio in termini di gestione del tempo: prima eravamo sempre di corsa e non riuscivamo a goderci l’evento. Gli showroom si stanno organizzando bene sul piano digitale, ma per fare acquisti è sempre meglio vedere i capi dal vivo», dice.

Loading...

Tra le collezioni migliori viste a Milano cita quelle di due brand storici del made in Italy - «Alberta Ferretti e Max Mara» - ma anche alcuni giovani come «Alessandro Vigilante e Marco Rambaldi». Anche Beppe Angiolini, titolare delle boutique fisiche e dell’e-store Sugar di Arezzo, è convinto che sia arrivato il momento del rilancio e del ritorno al ben vestire: «Il buying per l’autunno-inverno è stato studiato con attenzione, ma ho comprato capi e accessori per una donna che non passerà l’inverno in casa, ma tornerà a vivere la propria quotidianità. Senza eccessi o pezzi eclatanti, ma sicuramente in modo non banale».

L’importanza della componente “sogno”

La speranza, dice Angiolini, arriva dai vaccini che ci si augura possano coprire una buona fetta di popolazione proprio entro l’autunno-inverno. Ora che lo scenario è ancora molto incerto e, anzi, si profila una nuova risalita della curva dei contagi, secondo Angiolini la Milano fashion week ha avuto un ruolo positivo: «Lo sforzo è stato importante, sia da parte dei brand, sia degli organizzatori. Gli eventi digitali hanno mandato al pubblico un messaggio importante: in un momento in cui regna la concretezza, anche in passerella, la moda non va ridotta a qualcosa di puramente materiale. La componente del “sogno” è importante». Tra i compratori che hanno partecipato alla fashion week milanese c’è il team di Rinascente: il department store, nel corso dell’anno ha dovuto fare i conti con la “scomparsa” dei turisti stranieri (soprattutto quelli di lungo raggio, cinesi in testa) e ha spostato il focus sugli italiani.

A giugno, inoltre, l’insegna è sbarcata sul web con l’e-store, per ora limitato al mercato domestico. «Come tutti ci stiamo focalizzando sulla clientela italiana e sulle esigenze che questa “nuova normalità” ci ha imposto - spiega Giulia Pizzato, direttore centrale acquisti di Rinascente -. La clientela non è orientata a prodotti per le occasioni e ne teniamo conto nell’impostare i buying, ma troverà sempre in negozio una forte rappresentazione di tutti i brand partner, per tutte le categorie di prodotto». La formula digitale ha convinto Pizzato: «Devo dire che, nonostante la versione totalmente online, i brand hanno creato eventi molto interessanti. Mi hanno colpita Fendi, Dolce&Gabbana, Prada, Valentino», ha detto. «È importante che in una situazione simile rimanga il focus su questa settimana. È un segnale per il futuro, che tutti ci auguriamo sia dietro l’angolo».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti