ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùPITTI

Moda uomo, listini in crescita del 5-10%. La sfida sono le forniture

Marenzi: «Le aziende devono organizzarsi per programmare le produzioni e per riuscire a realizzarle, devono investire in tecnologie e in risorse umane. Quelle più grandi possono farcela, le piccole dovranno aggregarsi per non morire»

di Silvia Pieraccini

2' di lettura

Erano quasi due anni e mezzo che alla Fortezza da Basso di Firenze non si vedeva un’affluenza così per Pitti Uomo, la più importante fiera al mondo della moda maschile, che si è aperta ieri: 682 i marchi, per il 41% esteri, che presentano le collezioni primavera-estate 2023. Dinamismo e voglia d’investire sembrano tornati, ma è cambiato dal gennaio 2020, quando il Covid era ancora un’ipotesi di scuola: le aziende oggi sono obbligate a focalizzarsi sugli aspetti produttivi per le difficoltà nel reperire materie prime e per gli aumenti dei costi energetici e di logistica, che stanno portando incrementi dei listini nell’ordine del 5-10%. Riuscire a produrre e consegnare nei tempi fissati è diventata la sfida cruciale, tanto più importante in una fase in cui l’industria italiana della moda maschile (9,4 miliardi di ricavi 2021 per il 70,6% all’export, con un saldo commerciale di 2,6 miliardi) sta lavorando per tornare ai livelli pre Covid, superiori ai 10 miliardi.

«Il cambio di paradigma indotto dalla pandemia – spiega Claudio Marenzi, titolare del marchio di fascia alta Herno e presidente di Pitti Immagine, la società che organizza la fiera – è stato riportare l’attenzione sulla parte operations e sulla logistica: oggi le aziende devono organizzarsi per programmare le produzioni e per riuscire a realizzarle, devono investire in tecnologie e in risorse umane. Quelle più grandi possono farcela, le piccole dovranno aggregarsi per non morire». Herno chiuderà il 2022 con oltre 140 milioni di fatturato (+15% sul 2021), per il 75% all’export, superando i livelli pre Covid grazie al boom degli Usa, al buon andamento della Germania, alla ripresa di Giappone e Corea.

Loading...

Progetta aperture di negozi (20 nei prossimi quattro anni) in Europa e Usa il gruppo veneto Slowear (marchi Incotex, Zanone, Glanshirt e Montedoro), che torna a Pitti col progetto Incotex Blue Division, sviluppato con l’azienda veneta Giada, eccellenza del denim. «Tra due settimane apriremo un flagship store di 200 metri a New York – spiega l’ad Marco Bernardini – e quest’anno passeremo da 34 a 45 milioni di fatturato, per quasi il 70% all’estero. Nel 2023 poi continueremo a crescere e torneremo a un risultato positivo. Le difficoltà di approvvigionamento si stanno facendo sentire e stiamo pensando di avvicinare alcune produzioni: per fortuna oggi il made in Italy fa meno paura a tutti».

Poter contare su una filiera produttiva vicina e controllata direttamente è stata la salvezza per Lardini, marchio marchigiano di abbigliamento formale che al Pitti Uomo presenta una capsule collection con Pietro Terzini, diretta a un pubblico giovane: «Durante il Covid abbiamo aiutato i nostri fasonisti – dice il presidente Andrea Lardini, 70 milioni di fatturato a fine 2022 –. In questo momento c’è possibilità di crescere ma solo per le aziende produttive sane, che hanno una filiera strutturata e possono assicurare prodotto e servizio».

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti