Moda24

Philipp Plein rileva il 51% di Billionaire Italian Couture. Focus sul…

  • Abbonati
  • Accedi
made in italy

Philipp Plein rileva il 51% di Billionaire Italian Couture. Focus sul menswear di lusso made in Italy

Philipp Plein con Flavio Briatore
Philipp Plein con Flavio Briatore

«È il mio primo matrimonio e sono molto emozionato. Credo che Billionaire Italian Couture abbia un grande potenziale e non vedo l’ora di condurlo al prossimo step». Philipp Plein, stilista e imprenditore tedesco, ha acquisito il 51% di Billionaire Italian Couture, azienda di abbigliamento di fascia alta fondata nel 2005 da Flavio Briatore e dal 2007 partecipata per il 50% dal Gruppo Percassi.

Top secret sia il valore dell’operazione sia il giro d’affari del brand, che nel 2013 era stato di 30 milioni di euro.Di confermato c’è solo che l’imprenditore di Cuneo, che aveva creato il marchio come declinazione delle atmosfere del club Billionaire di Porto Cervo, e il gruppo bergamasco rimangono nella compagine societaria con una quota del 24,5% ciascuno.

Philipp Plein, che ha assunto anche la direzione creativa del marchio, punta a dare vita al «più esclusivo marchio di moda uomo di lusso al mondo. La prima collezione - continua il nuovo socio di maggioranza - verrà presentata a Milano durante la settimana della moda uomo, il prossimo 20 giugno. A ottobre, invece, apriremo il primo showroom a Milano».

I piani di sviluppo riguardano da vicino anche il fronte retail: «Billionaire oggi conta 30 monomarca - tra cui quello di Milano, inaugurato ad aprile ndr - e puntiamo ad aprirne altri 30 entro i prossimi 3 anni. Rafforzeremo anche il canale wholesale», chiosa Plein.

Nel futuro di Billionaire Italian Couture, che produce e continuerà a produrre interamente in Italia, c’è anche il potenziamento della linea junior.

© Riproduzione riservata