Moda24

Le borse di Vodivì crescono fra arte, moda e turismo sostenibile

  • Abbonati
  • Accedi
made in umbria

Le borse di Vodivì crescono fra arte, moda e turismo sostenibile

L’appuntamento è per giovedì 23 giugno nel magnifico Castello di Postignano, antico borgo medievale nascosto nel cuore dell’Umbria: in occasione dell’inaugurazione del Festival dei Due Mondi nella vicina Spoleto, che si terrà venerdì 24, Vodivì, azienda di accessori che a Spoleto ha la sua sede, presenterà una nuova capsule collection di borse realizzata in collaborazione con l’artista Art’è Gene.

La collezione, chiamata Colordensity, è impreziosita da piccole opere d’arte dipinte da Gene, che arricchiscono la pelle conciata al vegetale, certificata dal Consorzio Pelle Conciata al Vegetale in Toscana e gli interni in tessuto di canapa, tipico dell’Umbria: il tutto ispirato alla regione, come nella filosofia di Vodivì, che declina nelle sue creazioni prodotti, tecniche ed estetica del suo territorio d’origine.

Per far questo l’azienda, nata nel 2014 da un’idea di Luciano Lauteri, fondatore anche dell’associazione “Slow Tourism”, offre a chi acquista un suo prodotto anche la proposta di un itinerario ad hoc in Umbria, in un interessante mix di turismo e moda, ispirato alla sosteniblità.
Fra le collezioni già in catalogo, e presentate fra l’altro quest’anno anche a Londra e in Giappone, ci sono “Paesaggi” ( borse ispirate al territorio della Bassa Valle Umbra), “Petra” (legata alla Valnerina), “Intrecci Rinascimentali – Terre della Gioconda” (ispirata al vicino territorio del Montefeltro), mentre è in uscita la collezione “Acquacolori” dedicata al Lago Trasimeno e all’aeropittura di Gerardo Dottori, realizzata in collaborazione con Yuhaku, fashion house giapponese di Yokoama.

Le lavorazioni di Vodivì hanno di recente ottenuto anche il marchio “TF – Traceability & Fashion” di Tracciabilità controllata, rilasciato da Unionfiliere, che attesta che i prodotti che riportano questo tipo di etichettatura non solo sono certificati Made in Italy a livello di produzione, ma che lo sono anche tutti gli step che seguono e precedono la stessa, ovvero conciatura, taglio, preparazione, assemblaggio e rifinitura per le borse in pelle e ideazione, lavorazione, assemblaggio e finitura per i gioielli.

A maggio Vodivì ha inaugurato un corner proprio nel Castello di Postignano, unico punto vendita “fisico” per un’azienda che vende in gran parte tramite il suo e-store, oltre alla prima boutique aperta a novembre proprio a Spoleto.

© Riproduzione riservata