Moda24

L’internazionalizzazione di Qc Terme parte dagli Usa

  • Abbonati
  • Accedi
benessere

L’internazionalizzazione di Qc Terme parte dagli Usa

Qc Terme inaugura la riapertura della storica vasca panoramica del centro benessere dei Bagni Vecchi di Bormio e guarda all’estero, in particolare agli Stati Uniti, con un ambizioso piano di sviluppo. Abbiamo chiuso il 2016 con un fatturato di 62 milioni di euro rispetto ai 51 milioni del 2015 con oltre 910mila presenze - commenta il direttore generale Francesco Varni -. Un dato di partenza estremamente soddisfacente, considerato anche il clima generale non positivo che si respira nel nostro Paese. Il risultato ci fa essere ottimisti e ci d la spinta per continuare a crescere.

Dopo avere ristrutturato la vasca panoramica della struttura dei Bagni Vecchi di Bormio, inaugurata ieri con un concerto gratuito di Gino Paoli e Danilo Rea, l’azienda continua nel processo di espansione dei suoi centri. Sono in corso, infatti, i lavori per i centri di Chamonix, in Val d’Aosta, e diNew York che si aggiungono ai centri benessere gi esistenti a Bormio (Bagni Nuovi e Bagni Vecchi), Pr Saint Didier, Milano, Torino, Roma, San Pellegrino, Dolomiti. Il gruppo gestisce anche quattro resort a Bormio, ai piedi del Monte Bianco, e a Roma. Tra le attivit, anche la creazione di Qc Terme Cosmetics, una linea di prodotti per il viso e corpo a base di acqua termale della sorgente Cassiodora di Bormio con ingredienti di origine naturale e italiana; e Qc Terme Fragrances, linea di diffusori per ambiente per respirare anche a casa l’aria di benessere delle Spa del gruppo a cui si aggiunge un’eau de toilette unisex.

I lavori per Qc Terme Chamonix, centro benessere sul versante francese del Monte Bianco con vista panoramica sui ghiacciai della montagna e una Spa di 4mila metri quadrati, dovrebbero terminare in primavera - aggiunge Varni - e dovremmo aprire subito dopo. Mentre prevediamo di inaugurare Qc Terme New York nella tarda primavera del 2019.

Il progetto prevede un intervento su immobili dell’Historic District dell’isola di Governors Island. L’idea quella di esportare sull’isola il mood delle Spa italiane e di realizzare delle piscine esterne con una vista mozzafiato sullo skyline di Manhattan e sulle luci di Brooklyn.

Si tratta per noi del primo passo verso il processo di internazionalizzazione che stiamo cercando di avviare - spiega il direttore generale -. Auspichiamo che New York sia il punto di partenza del nostro sviluppo negli Stati Uniti, a partire dalle maggiori citt della costa orientale.

Senza dimenticare l’Italia. Abbiamo diversi progetti nel cassetto in destinazioni storiche termali di elevato prestigio - conclude Varni -, ma ancora troppo presto per parlarne.

© Riproduzione riservata