Moda24

Conclusa l’acquisizione di Limoni e La Gardenia da parte di Profumerie…

  • Abbonati
  • Accedi
M&A

Conclusa l’acquisizione di Limoni e La Gardenia da parte di Profumerie Douglas

Si è conclusa l’acquisizione di Limoni e La Gardenia - le due principali catene italiane di profumerie e prodotti per la bellezza che operano insieme come Leading Luxury Group (LLG) e precedentemente controllate da Orlando Italy Management - da parte di Profumerie Douglas (controllata italiana di Douglas) che diventa leader in Italia nel settore dei prodotti per la bellezza.

L’operazione è ancora all’esame dell’Autorità Garante della Concorrenza.

«Con l’integrazione di Limoni e La Gardenia nella rete europea di Douglas stiamo creando un nuovo leader nel settore dei prodotti per la bellezza in Italia - ha commentato Tina Müller, ad di Douglas -. Ci impegneremo con i nostri nuovi colleghi a offrire il più alto livello di servizio ai nostri clienti e diventare la catena omni-channel leader nei prodotti per la bellezza e cosmetici in Italia, così come Douglas lo è già in molti altri paesi europei».

Con la chiusura dell’operazione, Fabio Pampani, già ad di LLG, diventerà nuovo ad di Douglas Italia: «Sono entusiasta di guidare questa nuova azienda con talenti provenienti da tutte e tre le società, dai dirigenti alle persone di negozio. Grazie all'expertise omni-channel di Douglas, non solo miglioreremo l’esperienza dei nostri clienti nei negozi ma, faremo un salto di qualità negli store online».

Oltre all’operazione in Italia, Douglas ha recentemente concluso l’acquisizione della catena spagnola di profumerie Bodybell e annunciato quella di un portafoglio di negozi Perfumerìas If in Spagna. Dopo la conclusione di queste tre operazioni, Douglas gestirà circa 2,400 profumerie in 19 paesi europei, assieme a una rete di negozi online in rapida espansione. Grazie al rafforzamento strategico dei business in Italia e in Spagna, Douglas sta facendo importanti passi avanti nella strategia aziendale volta a diventare il numero uno, o un forte numero due, in ogni mercato in cui opera.

© Riproduzione riservata