Moda24

8/18 Irene Galitzine

  • Abbonati
  • Accedi

    Alta moda a Roma: dalle Sorelle Fontana a Gattinoni, viaggio negli atelier del passato e del presente

    C'era una volta l'alta moda romana, con i suoi atelier pullulanti di dive, principesse e mogli di presidenti, le feste memorabili, la concorrenza per il tessuto più ricco e il ricamo più intricato, Erano i giorni della “Hollywood sul Tevere”, che portò i divi del cinema statunitense a Cinecittà, e della Dolce Vita inaugurata grazie all'ambasciatrice americana Clare Booth Luce. L'evoluzione della società negli anni Settanta, il boom del pret-a-porter e il conseguente spostamento del baricentro della moda italiana a Milano diedero un colpo mortale a molti di questi atelier. Alcuni, invece, riuscirono a superare la crisi e oggi realizzano ancora le loro preziose creazioni soprattutto per ricchissime signore medio orientali. Di questi protagonisti della couture romana, appartenenti al passato o ancora vivi nel presente, ripercorriamo la storia per immagini

    8/18 Irene Galitzine

    Una delle estimatrici più appassionate del pigiama fu Jacqueline Kennedy, che nel 1963 scrisse alla principessa: “Ogni sera io, Jayne (Wrightsman, ndr) , Marella (Agnelli) e Lee (Radziwill) siamo con la tua uniforme”

    © Riproduzione riservata