Moda24

Tra botox, filler e microonde la medicina estetica non conosce crisi

  • Abbonati
  • Accedi
il Congresso a Milano

Tra botox, filler e microonde la medicina estetica non conosce crisi

Una continua richiesta di trattamenti medico estetici, è questo il primo dato che emerge dal XX Congresso Internazionale di Medicina Estetica Agorà, appena terminato a Milano, che ha visto la partecipazione di oltre 3000 medici provenienti da diversi paesi nel mondo e la presentazione di oltre 350 contributi scientifici.

«Il settore della medicina estetica non conosce crisi ed è sempre più rivolto a un target variegato - spiega Alberto Massirone, presidente del Congresso e direttore della Scuola Agorà di Milano -. Rispetto all'anno scorso, i dati dell'Osservatorio Nazionale confermano l'ascesa del settore, registrando un +14% di richieste da parte delle donne e un +3% da parte degli uomini. Un altro dato importante riguarda il legame medico-paziente, solo nell'ultimo anno, il 65% dei nuovi pazienti ha consolidato un trattamento o un piano terapeutico sempre con lo stesso specialista, per una media di 5-7 incontri durante l'anno, a conferma della piena fiducia che si crea quando si incontra un medico estetico serio e preparato. In netta crescita anche la richiesta di laser epilazione grazie a tecnologie sempre più veloci e indolori, così come le metodiche del body contouring che permettono di trattare in modo efficace le adiposità localizzate e la cellulite».

Botox sempre più sicuro
Quasi cinque milioni di trattamenti nel mondo ogni anno, oltre centomila in Italia, la tossina botulinica o botox è tra i golden standard della medicina estetica, nonostante le varie polemiche. Nel corso degli anni è aumentata la letteratura a supporto sui suoi diversi utilizzi che dimostrano come il botox, se usato in modo corretto, ha scarsi effetti collaterali e comunque reversibili. Dai trend raccolti dall'Osservatorio, oltre il 50% dei medici estetici intervistati, indica che l'impiego maggiore del botox è per la riduzione delle rughe d'espressione dinamiche, della parte superiore del volto (zona glabellare per oltre il 76% e area perioculare 73%), mentre la percentuale scende al 36% per il trattamento del terzo inferiore del volto. Non dimentichiamo che il botox è anche indicato per trattare l'iperidrosi, ovvero l'eccessiva sudorazione ascellare, alle mani e ai piedi, che può essere efficacemente eliminata grazie a questo trattamento.

Fili in PDO e filler per le borse
L'impiego dei fili riassorbibili in PDO per ringiovanire viso&corpo esiste da diverso tempo. Il polidiossanone è un filo di origine sintetica, utilizzato per la sutura del sottocute e delle strutture profonde, che con gli anni ha subito diverse evoluzioni. Dopo l'introduzione, l'anno scorso, dei fili Elevance, made in Korea, della durata di due anni, al Congresso è stato presentato Elevance Nuance che permette di impiantare contemporaneamente un fascio di 10 fili in PDO di diametro variabile. Il multifilamento assicura una produzione maggiore di collagene nell'area in cui viene rilasciato, conferendo un importante effetto riempitivo della durata di due anni.

È indicato per le rughe più profonde, per esempio i solchi nasogenieni e per la correzione del profilo del naso. Le borse sotto gli occhi sono un problema molto comune che coinvolge entrambi i sessi, con gli anni, poi i tessuti e i muscoli della zona oculare tendono a indebolirsi. In più si aggiunge il gonfiore che può essere causato da un accumulo di fluidi. Per eliminare il problema è stato studiato un filler apposito, Prostrolane Inner-BSE (SE per special eyes), la speciale formulazione, a base di acido ialuronico e peptidi biomimetici che formano legami stabili, permette di ridurre gli adipociti e rendere la pelle più tonica e compatta. Il trattamento non è doloroso, non richiede anestesia e sono necessarie alcune sedute per mantenere il risultato.

Cellulite, l'inestetismo più temuto dalle donne
Chiamata comunemente cellulite, mentre il nome corretto è Pefs (panniculopatia edemato fibro sclerotica) è un problema tipicamente femminile. Ne soffre il 90% delle donne, dall'adolescenza alla menopausa, indipendentemente dal peso corporeo, con un peggioramento nel periodo post-menopausale dove si assiste a un cedimento dell'impalcatura del tessuto adiposo.

Al Congresso, oltre a workshop su metodiche consolidate come la carbossiterapia e la criolipolisi, sono state presentate delle novità per contrastarla. Una di queste è Onda Cool Waves di Deka, una tecnologia made in Italy, che tratta in modo selettivo cellulite, adiposità e lassità cutanea. Nello specifico, la tecnologia si basa sull'utilizzo di microonde che vengono emesse solo a contatto con la pelle. L'energia rilasciata è controllata da manipoli intelligenti che trasferiscono le coolwaves in diverse profondità, solo dove serve, per un body contouring personalizzato. L'interazione delle microonde con il tessuto adiposo crea una modificazione metabolica dei contenuti lipidici che vengono poi rimossi naturalmente attraverso le vie linfatiche.

© Riproduzione riservata