moda

Moncler fa shopping e compra Stone Island

Moncler fa shopping e acquisisce Sportswear Company, società che detiene il marchio Stone Island, sulla base di una valutazione da 1,15 miliardi

di A.Bio.

default onloading pic
(Comofoto - stock.adobe.com)

Moncler fa shopping e acquisisce Sportswear Company, società che detiene il marchio Stone Island, sulla base di una valutazione da 1,15 miliardi


3' di lettura

Moncler fa shopping e acquisisce Sportswear Company, società che detiene il marchio Stone Island, sulla base di una valutazione da 1,15 miliardi. Ad annunciare l'accordo sono i due gruppi della moda, con un'operazione con cui intendono «sviluppare insieme una nuova visione del lusso» e «rafforzare la loro capacità di essere interpreti delle evoluzioni dei codici culturali delle nuove generazioni consolidando il loro posizionamento all'interno del segmento del nuovo lusso»

L’accordo prevede che inizialmente Moncler rileverà il 70%. In particolare, l'accordo quadro è stato sottoscritto tra Moncler e Rivetex, società riconducibile a Carlo Rivetti titolare di una partecipazione pari al 50,10% del capitale di Spw, e altri soci di Spw riconducibili alla famiglia Rivetti (e, in particolare, Alessandro Gilberti, Mattia Riccardi Rivetti, Ginevra Alexandra Shapiro e Pietro Brando Shapiro), titolari complessivamente del 19,90% del capitale di Spw.

Loading...

L'accordo prevede che l'acquisizione da parte di Moncler della partecipazione abbia luogo sulla base di un controvalore definito dalle parti in complessivi 1,15 miliardi di euro calcolato sul 100% del capitale. Tale valore corrisponde a un multiplo di 16,6 volte l'Ebitda 2020 (pari a 68 milioni con un margine del 28%) e a un multiplo di 13,5 volte l'Ebitda 2021.

Sulla base di questa valutazione i soci di Sportswear Company, che controlla Stone Island, si sono impegnati a sottoscrivere, per un controvalore pari al 50% del corrispettivo, 10,7 milioni di azioni di nuova emissione Moncler valorizzate in base agli accordi raggiunti in misura pari a 37,51 euro per azione (che corrisponde al prezzo medio degli ultimi 3 mesi). È inoltre previsto che Carlo Rivetti, a seguito dell'esecuzione dell'operazione, entri a far parte del cda di Moncler; assieme agli altri soci di Spw, poi, ha raggiunto un accordo con la holding di Remo Ruffini, Rph, affinché tutte le nuove azioni di Moncler che riceveranno vengano conferite in Ruffini Partecipazioni, la società che detiene il 22,5% di Moncler

L'ingresso dei nuovi soci, specifica un comunicato, «avrà comunque luogo senza determinare il superamento delle soglie rilevanti al fine Opa». Nell'operazione, infatti, ha un ruolo anche Temasek, socia sia di Moncler tramite Rp, di cui detiene il 12,8%, che di Spw, di cui deteneva il 30%; al fondo di Singapore verrà attribuito in trasparenza il 2,9% di Moncler e potrà decidere se e in quale misura sottoscrivere azioni Moncler di nuova emissione nei limiti del 50% del corrispettivo in denaro ricevuto.

«Nel caso in cui Temasek esprima la preferenza per un corrispettivo solo in cassa, l'esborso complessivo per Moncler sarà pari a 748 milioni. Diversamente, Temasek potrà sottoscrivere sino ad un massimo di 4,6 milioni di azioni di nuova emissione di Moncler, sempre al prezzo di Euro 37,51 per azione», spiega il comunicato. Le azioni rivenienti dall'aumento di capitale saranno assoggettate a un vincolo di lock up, che si applicherà per i 12 mesi successivi alla loro sottoscrizione e, solo per il 50% delle stesse, anche per i successivi 6 mesi.

«Da sempre ho lavorato per costruire un brand forte, dove unicità e vicinanza con il consumatore sono stati i principali cardini di uno sviluppo sempre oltre le mode e le convenzioni. La condivisione di una stessa visione ci porta oggi ad unirci a Stone Island per disegnare insieme il nostro futuro», ha sottolineato l’ad di Moncler, Remo Ruffini. «E' un'unione – continua l'imprenditore – che si concretizza in un momento difficile per l'Italia e per il mondo, quando tutto sembra incerto e imprevedibile. Credo però che sia proprio in questi momenti che si debbano stimolare nuove energie e nuove ispirazioni per progettare il domani».

«Questa partnership rappresenta una grande opportunità per il percorso di sviluppo di entrambe le aziende e aiuterà Stone Island ad accelerare la sua crescita internazionale anche grazie all'esperienza maturata da Moncler nel mondo retail fisico e digitale. Sarà un'opportunità di scambio e crescita anche per tutte le persone di Moncler e Stone Island con il contributo delle quali continueremo a scrivere, insieme, una storia di ingegno, creatività e professionalità per fare onore all’Italia nel mondo», aggiunge Carlo Rivetti, alla guida di Stone Island.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti