AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùmoda

Moncler in rosso in Borsa, il 2019 batte le attese ma pesa il coronavirus

Gli analisti sottolineano che l'anno si è chiuso meglio delle previsioni e il 2020 è partito bene. I problemi sono legati alle chiusure e agli effetti del coronavirus soprattutto in Cina ma la società ha già avviato azioni sui costi

di Chiara Di Cristofaro

default onloading pic
(REUTERS)

2' di lettura

Vendite su Moncler a Piazza Affari, dopo i dati diffusi lunedì 10 febbraio a Borsa chiusa. Nonostante i numeri superiori alle attese, gli investitori si sono concentrati sui pesanti impatti del coronavirus sulla società. Il titolo, subito dopo l'apertura delle contrattazioni, è stato fermato per eccesso di volatilità con un calo superiore al 4%, poi è rientrato comunque in forte ribasso. C'è da dire che Moncler viaggia comunque su livelli molto elevati: a metà gennaio 2020 è tornato vicino al massimo storico del dicembre 2019 a 43,61 euro.

Il 2019 batte le stime degli analisti
I numeri del 2019 «sono superiori alle attese - commentano gli analisti di Equita - ma gli impatti del coronavirus sono pesanti e le azioni sui costi sono state già avviate». Il fatturato del quarto trimestre è stato di 635 mln di euro in crescita del 16% contro attese di un +13,8%, oltre le stime di consensus anche l'ebitda del secondo semestre (431 mln, +15%) e l'utile netto dello stesso periodo (289 mln, +7%). In miglioramento e oltre le attese anche la cassa, a 662 mln di euro. Nella conference call il management ha indicato un`o ttima partenza d`anno, fino però al 23 gennaio 2020. Da allora, 14 negozi su 35 in Cina sono chiusi, gli altri vedono cali di traffico dell`80% e anche fuori dalla Cina si è visto un rallentamento, soprattutto nelle regioni vicine.

Azioni sui costi per proteggere i margini
Tuttavia la società ha già avviato varie azioni sui costi: sono stati posticipati i progetti retail e di marketing in Cina, ha avviato la rinegoziazione dei minimi garantiti sugli affitti e la riallcoazione del buying su altre aree. «Moncler ritiene di poter proteggere i margini percentuali (circa 34-35%) fino a un calo di fatturato di 100 mln», sottolineano gli analisti. I migliori numeri del 2019, prosegue Equita, «avrebbero giustificato un aumento delle stime (fatturato +1% e utile +4%) ma incorporiamo l`impatto dell`epidemia (-4% fatturato, -7% utile netto, con margine da 35,3% a 34,4%)».

Equita taglia stime ma è ottimista su capacità di reazione del gruppo
Le previsioni sull'utile netto sono ridotte del 3% a 351 mn (4% sotto il consensus), mentre il target passa a 44,7 euro (da 45,7). «Pensiamo che la forza di uscita dal 2019 e la flessibilità dell`azienda permetteranno a Moncler di soffrire meno del settore le difficoltà contingenti legate al coronavirus», conclude Equita. Il board proporrà all`assemblea varie risoluzioni tra cui l`adozione del voto maggiorato.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...