calcio femminile

Mondiali, ai quarti finisce il sogno delle azzurre battute 2-0 dall’Olanda - Olanda-Italia, sfida in Francia per la semifinale e per Tokyo 2020

Dopo un primo tempo tutto sommato equilibrato l'avventura mondiale dell'Italia termina nel giro di 10 minuti con due gol da parte delle campionesse europee

di Gaia Brunelli

2' di lettura

È stato un bellissimo sogno e ci hanno svegliato. L'Italia esce dai Mondiali ai quarti di finale battuta 2 a 0 dall'Olanda, campiome europeo. Ma in ogni caso, si può dire che questo Mondiale francese per l'Italia è stato un successo. Queste ragazze l'impresa l'hanno fatta. Il Paese si è innamorato di loro e loro hanno reso tutti gli italiani di nuovo orgogliosi della maglia azzurra. La sconfitta contro l'Olanda non ci regala la semifinale, ma la quinta partita di questo Mondiale ci fa capire che le nostre azzurre non hanno soltanto partecipato, ma hanno convinto tutto il movimento del calcio femminile italiano. Oggi siamo tutti più forti.

La onda dei tifosi “arancione”

Le opportunità del primo tempo

Loading...

L'inno cantato forte. Come sempre. Forza, convinzione e umiltà. Ci sono tutti gli ingredienti perché questo sia un momento storico. Quarti di finale contro l'Olanda, la prima squadra europea che incontriamo in questo Mondiale. La sfida è dura, la temperatura rovente. Il primo tempo inizia come ci si aspettava. L'Olanda spinge e noi ci difendiamo. Ma non dura molto, perché poi le azzurre trovano le misure e si rendono pericolose. Sponda di testa di Bonansea e Valentina Bergamaschi si trova sola davanti a Van Veenendaal. La numero 2 azzurra, però, non riesce a dare forza alla conclusione e il portiere olandese non ha problemi a bloccare. La partita si gioca su ritmi bassi, i 35 gradi percepiti si fanno sentire e in campo manca il fiato. Il primo tempo si chiude sullo 0-0. Abbiamo sofferto, sì, ma l'occasione migliore è stata nostra.

La sofferenza del secondo tempo

Con questa consapevolezza inizia il secondo tempo. L'Olanda parte ancora forte come nei primi minuti del primo tempo. Atleticamente soffriamo la miglior brillantezza olandese e sugli sviluppi di un calcio d'angolo, Van de Donk raccoglie il pallone in uscita e con un fantastico destro a giro trova la traversa a Giuliani battuta. Ci salva il legno. E ci salva ancora pochi minuti dopo sulla punizione di potenza calciata da Spitse. Palo esterno e sospiro di sollievo. Si prosegue sul filo dell'equilibrio. Fino al 70esimo: calcio piazzato battuto ancora da Sherida Spitse per il colpo di testa imperioso di Vivianne Miedema. Laura Giuliani intercetta, ma non riesce a evitare il gol del vantaggio dell'Olanda. Dopo 10 minuti arriva anche il raddoppio. Ancora su calcio piazzato: Spitse va sul secondo palo dove svetta Van der Gragt. Elevazione sorprendente della centrale difensiva olandese che batte Giuliani. È finita. Vince l'Olanda che accede alla semifinale.
Si chiude qui un'avventura meravigliosa per le nostre azzurre che mancano purtroppo anche la qualificazione olimpica a Tokyo 2020. Ma tra 2 anni siamo sicuri che torneranno protagoniste all'Europeo in Inghilterra. Ci hanno svegliato da un bellissimo sogno, ma nessuno adessoci potrà più fermare.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti