Mondo

Europarlamento, Tajani candidato alla presidenza

  • Abbonati
  • Accedi
Europa

Europarlamento, Tajani candidato alla presidenza

  • –Beda Romano

bruxelles

A un mese o poco pi dall’elezione del prossimo presidente del Parlamento europeo si precisano le candidature. Ieri si lanciato nella battaglia il popolare Antonio Tajani, ex commissario all’Industria e attuale vice presidente dell’assemblea. Affronter nella selezione del centro-destra il francese Alain Lamassaoure, l’irlandese Mairead McGuinness e lo sloveno Alojz Peterle. I Popolari sceglieranno il loro candidato il 13 dicembre, in vista di un voto in plenaria previsto il 17 gennaio.

In una lettera di candidatura, il vice presidente Tajani, 63 anni, ha spiegato che il Parlamento deve meglio controllare la Commissione. Dobbiamo assicurarci che l’Unione europea non sia percepita come un apparato burocratico, ma come un progetto politico basato su valori comuni. Sul fronte opposto, i Socialisti hanno gi scelto quale loro candidato alla presidenza del Parlamento Gianni Pittella, che ieri ha definito Tajani una persona degna di stima e di rispetto.

L’elezione di un nuovo presidente necessaria dopo che il socialista Martin Schulz ha annunciato le sue dimissioni per candidarsi alle legislative in Germania. In teoria, un accordo non detto prevede che il prossimo presidente sia un popolare. I Socialisti rifiutano questa evenienza, notando che cos facendo le tre istituzioni comunitarie – oltre al Parlamento, anche il Consiglio e la Commissione – sarebbero guidate da un esponente del centro-destra.

Ieri Pittella ha spiegato che l’alleanza socialista-popolare che ha retto il Parlamento finora terminata. La partita, almeno in questo momento, quindi molto aperta. Spiegava sempre ieri un esponente parlamentare: Con l’uscita di scena del presidente francese Franois Hollande e la sconfitta del premier italiano Matteo Renzi nel referendum di domenica, la scelta sar molto probabilmente interna al Parlamento e non potr considerare eventuali cambiamenti alla guida delle altre istituzioni.

Il gioco delle alleanze incerto. Non si pu escludere che un liberale (l’ex premier belga Guy Verhofstadt?) si riveli la personalit di compromesso. Le regole prevedono che nei primi tre turni sia necessario avere il 50% pi uno dei voti. Nella quarta tornata si affrontano i due candidati pi votati alla terza votazione; vince chi raccoglie il maggior numero di suffragi. Intanto, Eleonora Forenza, 40 anni, diventata ieri la candidata della Sinistra unita europea (Gue) alla presidenza del Parlamento.

RIPRODUZIONE RISERVATA