Mondo

Venezuela, come sprecare il grande tesoro petrolifero

  • Abbonati
  • Accedi
L'Onu chiede a Maduro di «riconsiderare» l'esautorazione del Parlamento

Venezuela, come sprecare il grande tesoro petrolifero

La crisi del giorno dopo non è meno grave.
L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, Zeid Raad Al Hussein, ha chiesto al Tribunale Supremo di Giustizia di «riconsiderare» le sentenze con le quali ha assunto i poteri che la Costituzione attribuisce all'Assemblea Nazionale, cioè al parlamento.
Il Venezuela rimane sorvegliato speciale, non solo dalla stampa di tutto il mondo, ma soprattutto da gran parte dei Paesi latinoamericani: i governi di Brasile, Messico, Argentina, Perù, Colombia e Cile hanno espresso preoccupazione per le tensioni politiche conseguenti al semi-golpe del presidente Nicolas Maduro che due giorni fa ha esautorato il Parlamento di Caracas. Il Tribunale Supremo di Giustizia (Tsj) ha assunto le competenze del Parlamento. La domanda senza risposta che rimbalza da un Paese all'altro è questa: in Venezuela si sta consumando la fine della distinzione tra poteri?
Il petrolio
L'altra grande incognita è questa: cosa accadrà alla produzione di petrolio ? Il Venezuela è un Paese dipendente dalle esportazioni di greggio che, con l'istituzione dei controlli di capitale, già molti anni fa ha compromesso la stabilizzazione e la eventuale crescita della sua produzione. E anche la revisione dei contratti con altre compagnie internazionali di petrolio non ha facilitato l'estrazione.
Le riserve del Venezuela sono pari a 298 miliardi di barili di petrolio, più alte di quelle dell'Arabia Saudita, della Russia e dell'Iran e otto volte superiori a quelle degli Stati Uniti.

Tuttavia, le previsioni degli esperti non sono rosee, né per il 2016 (i cui dati non sono ancora disponibili), né per il 2017. I dati vengono diramati da Pdvsa, la società energetica di Stato, e per questo non vengono ritenuti troppo obiettivi né realistici. Nilofar Saidi - analista del centro studi Clipper Data - ricorda che il Venezuela importa greggio dagli Stati Uniti dato che il greggio prodotto dal Paese latinoamericano è molto pesante e difficile da raffinare e quindi da vendere. È necessario “allungarlo” con altri tipi di petrolio più leggero per migliorarne la qualità.
Il governo americano, dal gennaio 2016, ha tolto il divieto di esportare il greggio verso altri Paesi, un divieto che durava da 40 anni. E il governo di Maduro ne ha approfittato, dato che importare greggio dagli Stati Uniti costa meno, in termini logistici, piuttosto che da Russia, Angola, e Nigeria.

Tuttavia, il vantaggio del commercio petrolifero tra Stati Uniti e Venezuela è spesso vanificato dall'impossibilità di Caracas di scaricare e soprattutto pagare le navi americane cariche di greggio leggero.
Inflazione e crisi
L'altro nodo del Venezuela è quello macroeconomico. Il Venezuela di Nicolas Maduro, ha approvato, un anno fa, una maxi stangata: il prezzo della benzina è lievitato da 0,4 bolivar a 2,2 per un gallone (3,7litri, ndr). Da lì le tensioni sociali e le critiche sono aumentate esponenzialmente. Anche se, in confronto a qualsiasi altro Paese al mondo, mantiene un prezzo irrisorio: un pieno di benzina costa poco più di un litro d'acqua minerale. Con un dollaro si acquistano 170 litri di benzina.
Da qui proteste e scontri sociali. L'ultimo provvedimento di Maduro è stato un allentamento dei controlli di capitale, sperando in un ritorno di investimenti esteri.

Il bolivar, la moneta nazionale, continua a patire una forte svalutazione rispetto al dollaro. Ed è proprio l'inevitabile tracollo della valuta nazionale rispetto al dollaro a contribuire enormemente all'iperinflazione (circa 800%annua) di un Paese che importa tutto e esporta solo petrolio di cui pure ha enormi riserve. Il 90% degli ingressi in valuta estera sono determinati dall'export di greggio.
Intanto però la vera emergenza è quella sociale. Scontri di piazza sempre più violenti, un quadro politico instabile e un'opposizione incapace di individuare un leader davvero credibile. Infine i militari; che faranno ? Rimarranno fedeli a Maduro oppure di fronte a questa crisi che pare insuperabile si profila una spaccatura che potrebbe essere prodromica a un'ulteriore instabilità. In questo caso molto pericolosa.

© Riproduzione riservata