Mondo

Ma i ricorsi allungheranno i tempi di risposta

  • Abbonati
  • Accedi
Europa

Ma i ricorsi allungheranno i tempi di risposta

(Reuters)
(Reuters)

Chi pensa che l’invio dei nomi dei titolari di quasi 10mila conti aperti presso il Credit Suisse di Zurigo sia dietro l’angolo, è bene che si metta il cuore in pace. Prima della fine del 2018 non arriveranno anche perché è facile prevedere un’onda lunga di ricorsi dei contribuenti.

Le autorità fiscali svizzere si rivolgeranno, infatti, in prima battuta al Credit Suisse per ottenere i nominativi. I titolari si rivolgeranno quindi agli avvocati e la decisone in primo grado del Tribunale amministrativo potrà essere appellata davanti al Tribunale federale. Morale: due gradi di giudizio e si giunge così alla fine del prossimo anno.

È un’ipotesi ottimistica, perché in questo momento le autorità fiscali elvetiche sono sommerse da domande: la Francia, da sola, nel 2016 ha presentato una lista con 40mila nomi e, in totale, le richieste da evadere, per l’Erario elevetico, sono oltre 60mila.

In attesa di saperne di più sui tempi, vale la pena sottolineare che, dal 2016, sono state aperte cause civili e penali contro Credit Suisse. Le prime fanno riferimento – come ricorda l’avvocato Paolo Bernasconi che assiste diversi clienti italiani – al fatto che la banca avrebbe dovuto avvisare della possibilità di poter ricorrere alla voluntary disclosure. Le cause stanno andando avanti di fronte alla pretura di Lugano e, per chi aveva i conti nella filiale di Chiasso, davanti a quella di Mendrisio. Le cause, però, non sono ancora entrate nella fase dibattimentale.

Ci sono poi le cause penali, che si basano su un ragionamento molto semplice: se io, cliente italiano, ho depositato direttamente i mei soldi a Lugano, l’ho fatto per non farmi mai scoprire dal Fisco in madrepatria. Come è possibile – ed è questo il profilo portato in Tribunale – che ci sia stata una tale violazione del segreto bancario al punto che Gdf e Agenzia delle Entrate sono entrate in possesso del mio nominativo o comunque sono potute risalire alla mia posizione finanziaria? Anche queste domande restano in attesa dei tempi tecnici di risposta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA