Mondo

Catalogna, chiuse le urne. Feriti e cariche della polizia durante il…

  • Abbonati
  • Accedi
il portavoce della Generalitat: hanno votato in «milioni»

Catalogna, chiuse le urne. Feriti e cariche della polizia durante il voto

  • –dal nostro inviato a Barcellona
(Reuters)
(Reuters)

Chiuse le urne per il referendum sull’indipendenza catalana, dopo una giornata contrassegnata da numerosi scontri tra la polizia di Madrid e i catalani che si recavano ai seggi. La battaglia per il referendum in Catalogna era iniziata la mattina alle sei. Nei seggi di Barcellona e della regione i militanti del Sì all’indipendenza hanno affrontato le forze dell’ordine. Il seggio dove avrebbe dovuto votare il governatore catalano Carles Puigdemont è stato tra i primi ad essere bloccato dalla polizia. Gli agenti, che hanno usato anche proiettili di gomma, hanno caricato la folla in attesa davanti a diversi seggi elettorali, ha riferito la tv pubblica Tv3. Pesante il bilancio degli scontri: secondo il governo locale, i feriti sarebbero almeno 761.

Un uomo tra i 50 e i 60 anni è stato colpito da un infarto dopo una carica della polizia nazionale spagnola che cercava di impedire le operazioni di voto a Lleida, centro ad ovest di Barcellona. Lo scrive La Vanguardia, per il quale l'uomo è «molto grave».

Anche 11 agenti feriti
Le autorità di Madrid hanno indicato che anche 11 agenti, tra cui nove poliziotti e due membri della Guardia Civil, sono stati feriti leggermente . La «brutalità ingiustificata» della polizia contro gli elettori catalani è «una vergogna che accompagnerà per sempre l'immagine dello Stato spagnolo», ha detto Puigdemont e il portavoce del governo catalano Jordi Turull ha rincarato la dose, affermando che «dai tempi del franchismo» non si vedeva una repressione e una «violenza di Stato» come quella esercitata oggi dalle forze spagnole «contro la democrazia» in Catalogna.

Scotro polizia-pompieri
Agenti antisommossa spagnoli hanno anche caricato con i manganelli un gruppo di vigili del fuoco catalani, in divisa e con il casco, che stavano presidiando un seggio in cui si votava per il referendum catalano: è quello che si vede in un breve video diffuso da vari media, fra cui l'Independent, che dice che è stato girato a Barcellona. Nelle immagini si vedono gli agenti che allontanano i pompieri colpendoli con i manganelli sulle gambe e con calci.

Rajoy: referendum ricatto di pochi
Netta la posizione sul referendum del premier spagnolo Mariano Rajoy, espressa nella serata di domenica in un discorso alla nazione: il referendum in Catalogna «è stato un ricatto di pochi», ha detto. «La maggioranza del popolo catalano non ha partecipato alla sceneggiata degli indipendentisti», ha aggiunto. «Queste persone hanno dato prova di senso civico e grande rispetto per i principi che sono alla base della nostra convivenza: oggi abbiamo constatato la forza della democrazia spagnola», ha proseguito . «Non intendo chiudere nessuna porta,
non l'ho mai fatto. Ma sempre nei confini della legge e nel quadro della democrazia», ha continuato Rajoy. I promotori del referendum secessionista «avevano tutti i motivi per rinunciare, speriamo che rinuncino adesso e non continuino nell'errore di un cammino che non porterà da nessuna parte», ha aggiunto Rajoy. «Domani dovremo cominciare a ristabilire l'ordine costituzionale. Spero che i partiti continuino ad appoggiarci. Voglio convocare le forze politiche per riflettere sul futuro. Chiederò di intervenire davanti al Congresso dei deputati».

Il governo catalano: hanno votato in milioni
Intanto, il portavoce del governo catalano Jordi Turull ha detto di prevedere che alla fine della giornata ci saranno «milioni» di voti, nonostante gli attacchi della polizia spagnola contro i seggi e il taglio delle comunicazioni internet. Turull ha detto che il governo spagnolo è riuscito a chiudere 319 dei 2600 collegi elettorali. Ma gli elettori potevano votare in un altro seggio. Non è chiaro però quando saranno disponibili i risultati del voto. Lo stesso Turull ha detto che lo stato spagnolo dovrà rispondere della violenza esercitata contro la Catalogna davanti
ai tribunali internazionali.

Nella notte decine di migliaia di attivisti avevano continuato a presidiare i seggi per evitare il sequestro delle schede e delle urne. All’alba i Mossos d’Esquadra avrebbero dovuto intervenire. Ma gli agenti della polizia regionale, che avevano ricevuto l’ordine di sigillare tutti i centri di voto in molti casi si sono mantenuti neutrali, rifiutandosi di fatto di agire con la forza in questa consultazione per l’indipendenza voluta dalla Generalitat catalana ma contrastata in tutti i modi dal governo di Madrid che la considera «illegale» e ha dalla sua parte la legge spagnola e le sentenze della Corte costituzionale.

Al posto dei Mossos sono stati chiamati subito a intervenire la Guardia Civil e la Polizia di Stato, i due corpi che rispondono direttamente alle autorità nazionali e che nelle scorse settimane erano stati inviati in Catalogna in supporto. Decine di camionette delle due polizie nazionali sono sbarcate dal porto di Barcellona dirigendosi in tutta la regione. Almeno venti poliziotti hanno tentato di entrare nella scuola Ramon Llull di Barcellona, ma senza successo perché fermati da un centinaio di persone.

Scontri allinterno di un seggio elettorale

La vicepremier spagnola Soraya Saenz de Santamaria ha difeso l'operato della polizia spagnola intervenuta ai seggi affermando che essa ha agito con «professionalità» e «proporzionalità». Santamaria ha poi affermato che oggi in Catalogna «non c'è stato un referendum» e ha chiesto al governo catalano di «porre fine immediatamente» a quella che ha definito una «farsa».

Secondo quanto dichiarato dal delegato del governo spagnolo a Barcellona, Enric Mill, nella regione ci sono in questo momento 18mila agenti dei Mossos e almeno altri 10mila agenti della polizia nazionale, ai quali si aggiungono «rinforzi praticamente illimitati pronti a intervenire». Nel pomeriggio, una nota del Barcellona Calcio, che gioca a porte chiuse il match della 7/a giornata della Liga contro il Las Palmas, si è espressa così: «Il Barcellona condanna gli eventi che hanno avuto luogo in molte parti della Catalogna oggi, allo scopo di impedire ai suoi cittadini di esercitare il loro diritto democratico».

Il Barcellona è sceso in campo indossando sopra la casacca da gioco la maglia da riscaldamento, quella a strisce gialle e rosse come la Senyera, ovvero la bandiera della Catalogna. Successivamente prima di cominciare a giocare, i giocatori del Barcellona si sono tolti la casacca da riscaldamento, stile Senyera, e hanno disputato la partita contro il Las Palmas con la tradizionale tenuta blaugrana.

Voto aperto dalle 9
Le operazioni di voto sono iniziate alle 9 in punto. E alle 9.15 gli agenti della Guardia Civil spagnola in tenuta anti-sommossa sono intervenuti nel seggio di Sant Julia de Rumis a Girona dove era atteso per il voto il presidente catalano Puigdemont. Gli agenti spagnoli hanno allontanato in modo brusco la folla di cittadini concentrati a protezione del seggio. Lo stesso Puigdemont ha fatto sapere di essere riuscito a votare in un altro seggio di Girona. «La polizia catalana ha anteposto criteri politici a quelli professionali. Siamo stati costretti a fare quello che non volevamo fare», ha detto il prefetto Mill.

La battaglia per l’indipendenza o per la legalità, a seconda che la si veda da Barcellona o da Madrid, è proseguita in tutti i 2.300 seggi, davanti a tutte le oltre 56mila urne predisposte dai separatisti. Ma per aggirare i sigilli e i blocchi della polizia, è stata cambiata l’organizzazione del voto: i cittadini infatti potranno votare in qualsiasi seggio, non solo in quello di riferimento.

«Tutte le persone possono andare a votare in qualsiasi scuola, presentando un passaporto o una carta di identità», ha spiegato il portavoce del governo catalano, Jordi Turull. «È stata implementata un’applicazione - ha poi aggiunto - per verificare che una persona voti una volta sola». «Vuoi che la Catalogna diventi uno Stato indipendente in forma di Repubblica?». È questa la domanda che i catalani trovano sulle schede elettorali.

La grande maggioranza dei catalani è a favore sul diritto di scegliere e vuole votare ma la regione è spaccata in due sul suo futuro: se la regione di Barcellona debba separarsi dalla Spagna e diventare uno Stato sovrano indipendente o se invece debba rimanere dentro la Spagna. Sono 5,3 milioni i cittadini che possono votare, per il fronte nazionalista «raggiungere il milione di votanti sarebbe un grande successo». Ma da ieri la polizia ha bloccato anche le piattaforme informatiche per registrare i voti e contarli alla chiusura delle urne rendendo impossibile ogni verifica e ogni operazione trasparente.

Intanto a Barcellona e in Catalogna la battaglia del referendum continuerà anche nella notte, in attesa dei risultati. In un clima sempre molto teso, con il rischio di incidenti. «Un capo del governo codardo ha inondato di polizia la nostra città. Barcellona città di pace, non ha paura», ha dichiarato il sindaco di Barcellona, Ana Colau, riferendosi al premier spagnolo Mariano Rajoy.

LE INTENZIONI DI VOTO
Il giorno 1 ottobre si svolgerà il referendum per l’indipendenza della Catalogna. Come voterà? (Fonte: Sondaggio del Centro des Estudios des Opinion de la Generalitad Caluña, svolto tra il 26 giugno e l’11 luglio del 2017)
LE PAURE DEI CATALANI
I principali problemi della Catalogna, risposte multiple. Dato in % (Fonte: Sondaggio del Centro des Estudios des Opinion de la Generalitad Caluña, svolto tra il 26 giugno e l’11 luglio del 2017)

© Riproduzione riservata