Mondo

Inondazioni in Kerala, centinaia di vittime per le piogge monsoniche

  • Abbonati
  • Accedi
india

Inondazioni in Kerala, centinaia di vittime per le piogge monsoniche

Continua a salire il numero delle vittime provocate dalle inondazioni dovute alle piogge monsoniche che da giorni stanno colpendo lo stato del Kerala, nel sud dell’India. Secondo la Bbc online i morti sono almeno 324.
Continuano anche i tentativi dei soccorritori di mettere in salvo i residenti. Al momento sono oltre 200mila quelli rimasti senza casa. Secondo il governo dello Stato, gran parte delle persone sono morte travolte dai detriti causati dalle varie
frane e smottamenti.

I soccorritori usano elicotteri e barche per evacuare le centinaia di persone bloccate sui tetti delle case. Le piogge torrenziali si sono fermate e i soccorritori stanno lavorando per spostare la popolazione nei 1.200 campi allestiti per gli
sfollati. Le forti piogge degli ultimi otto giorni hanno provocato inondazioni, frane e crolli di strade e ponti, i servizi ferroviari sono interrotti. L’aeroporto resterà chiuso fino al 26 agosto.

Il governo centrale ha schierato ieri tutte le forze armate (esercito, marina, aeronautica) per una massiccia operazione di soccorso. Circa 10mila chilometri di strade sono state distrutte o danneggiate, così come centinaia di case.

© Riproduzione riservata