Mondo

Turchia, Erdogan minaccia multe contro chi specula sui prezzi

  • Abbonati
  • Accedi
nel mirino negozi e imprese

Turchia, Erdogan minaccia multe contro chi specula sui prezzi

  • – di Redazione online

Il presidente turco Erdogan minaccia di multare «gli opportunisti», li definisce così durante un comizio del suo partito Akp, coloro che usano la volatilità del tasso di cambio estero per aumentare i prezzi. «Non abbandoneremo la nostra gente nelle mani degli opportunisti» ha detto Erdogan in un discorso alla periferia di Ankara. Il presidente ha anche invitato i turchi a denunciare i negozi che hanno imposto insoliti aumenti di prezzi durante la crisi monetaria che ha travolto la lira turca, e ha detto che, se necessario, le autorità potrebbero intervenire con blitz in quei negozi e aziende che hanno approfittato della situazione.

GUARDA IL VIDEO / Erdogan da Merkel: timido riavvicinamento tra Germania e Turchia

In pieno vortice di autarchia che ha portato il Paese alla crisi e all’isolamento, il presidente turco ha anche detto di aver ordinato ai suoi ministri di bloccare consulente dell’americana McKinsey anche (per rispondere alle accuse dell’opposizione che aveva preso di mira il ministro delle finanze Berat Albayrak nonché genero dello stesso Erdogan per aver inziato una collaborazione con McKinsey).

Erdogan ha promesso alla sua folla di salvare il suo Paese dal male, dai tassi di interesse, dall’inflazione e dal tasso di cambio, mettendo tutto nello stesso calderone. Ha inoltre negato che vi sia una crisi economica in atto ma solo mosse manipolatorie e haaffwrmato di non aver chiesto denaro a nessun Paese straniero.

Due giorni fa il padre padrone del paese è intervenuto anche sulla Ue: «Vedo i segnali di una fine dell'Ue. Mi aspetto che il processo si acceleri in modo che la
Turchia possa determinare la sua strada. Abbiamo atteso di diventarne membri per decenni e non c'è stato alcun risultato. Se la situazione continua così, potremmo chiedere agli 80 milioni di cittadini di questo Paese come vogliono procedere».

© Riproduzione riservata