Mondo

Affari in video call con Pechino

  • Abbonati
  • Accedi
Asia e Oceania

Affari in video call con Pechino

Una linea diretta Milano-Pechino a disposizione delle imprese: dalla sede di Assolombarda all’Ambasciata italiana in Cina scatta un nuovo servizio interattivo di videoconferenza, TelePresence, in collaborazione con la Cisco.

Il progetto offre un «tavolo virtuale» alle aziende (2mila le imprese italiane in Cina) per dialogare facilmente con potenziali clienti e fornitori nonché con interlocutori istituzionali. Sembra davvero di essere tutti nella stessa stanza, mentre l’intelligenza artificiale del sistema individua e inquadra automaticamente più da vicino chi sta parlando. Ci si possono anche scambiare documenti in tempo reale. «Un esempio di come possa essere virtuosa l’alleanza tra pubblico e privato a favore della internazionalizzazione delle imprese», ha sottolineato il presidente di Assolombarda, Carlo Bonomi. Nella comune stanza virtuale, da Pechino l’ambasciatore Ettore Sequi ha rilevato che il servizio potrà essere molto utile in una serie di circostanze che vanno al di là delle comunicazioni dirette tra imprenditori: ad esempio, si potrà cercare di risolvere contenziosi alla presenza di funzionari dell'ambasciata, o potranno essere illustrati e chiariti punti particolari di una eventuale nuova normativa. Senza contare che l’iniziativa contribuirà a rafforzare immagine e credibilità delle aziende italiane nel dialogo con l’interlocutore cinese, per la cui psicologia non sarà indifferente riscontrarne l’appoggio istituzionale (dovrà recarsi nella nostra sede diplomatica).

«È un valore aggiunto per i nostri associati», afferma il responsabile per l’internazionalizzazione di Assolombarda, Enrico Cereda, secondo cui il servizio servirà a superare i problemi di connettività che rendono le comunicazioni con chi sta in Cina conplicate e costose. Un problema reso ancora più difficile dalle recenti norme sulla cybersicurezza. In futuro, l’obiettivo è di estendere il «Tavolo virtuale» ad altre sedi diplomatiche - a partire dall’India - e alla rete consolare in Cina.

© Riproduzione riservata